Salta al contenuto principale

Pronto il calendario del prossimo anno scolastico
Tra i banchi il 16 settembre, chiusura l'11 giugno

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi
CATANZARO - Mentre tanti studenti sono ancora impegnati negli esami per la fine dei cicli scolastici, è pronto il calendario delle lezioni per il prossimo anno. In Calabria i cancelli si apriranno il 16 settembre e si richiuderanno l'11 giugno.
Nello specifico, saranno gli studenti della Provincia di Bolzano i primi a rientrare in classe il prossimo anno: la campanella suonerà il 5 settembre. Ultimi quelli delle scuole pugliesi, che cominceranno il 17. Ormai definiti i calendari scolastici regionali, è possibile tracciare un quadro dell’anno scolastico 2013-2014: dopo quelli della Provincia di Bolzano, a entrare in classe il 10 settembre saranno gli studenti del Molise e del Piemonte. L’11 sarà la volta dei ragazzi del Lazio, dell’Umbria, della Toscana e della provincia di Trento. Il 12 toccherà ai ragazzi di Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Valle d’Aosta e Veneto. Quattro giorni dopo, il 16 settembre, entreranno in classe gli studenti dell’Abruzzo, della Calabria, della Campania, dell’Emilia Romagna, della Liguria e della Sardegna. 
Le vacanze di Natale inizieranno per quasi tutti il 23 dicembre, tranne che per gli studenti della provincia di Trento che anticiperanno al 21. Rientro in classe per tutti il 4 gennaio 2014. L’ultima campanella dell’anno scolastico 2013-2014 suonerà tra il 7 e il 14 giugno. I primi ad andare in vacanza saranno gli studenti di Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto, appunto il 7 giugno. A seguire i ragazzi della Puglia. Il 10 ultimo giorno di scuola per gli studenti della Sardegna. L'11 giugno toccherà quindi ai ragazzi della Basilicata, della Calabria, del Friuli Venezia Giulia, della Liguria, del Molise e della provincia di Trento. Gli ultimi ad andare in vacanza saranno gli studenti di Bolzano, dove l’ultima campanella suonerà il 13 giugno, seguiti, il giorno successivo dagli studenti di Abruzzo e Valle d’Aosta.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?