Salta al contenuto principale

Lieve aumento dei promossi in Italia
Calabria sopra la media nazionale

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 51 secondi

L'ANNO scolastico è appena finito ed è giunto il momento di tracciare qualche bilancio. A farlo è il Ministero dell'Istruzione che, attraverso una statistica riguardante l'89% delle scuole secondario di I grado (le scuole medie) e l'84,5% delle scuole secondarie di II grado (le scuole superiori), rende noto come siano aumentati, seppur di poco, gli studenti promossi alle classi successive in entrambe le tipologie di istituti.  In particolare, la percentuale dei promossi alle classi successive nelle scuole medie è del 96,3% (95,7 nell’anno scolastico 2011/12), mentre alle superiori del 63,5% (63,2% lo scorso anno). L’aumento a livello nazionale, se la tendenza emersa dovesse essere confermata, risulta leggermente più alto nelle medie con uno 0,6%, mentre per le superiori dello 0,3%. Ovviamente, trattandosi di un dato "a specchio" diminuiscono le percentuali dei non ammessi: è del 3,7% nella secondaria di I grado e del 10% in quella di II grado. 

 
NEI LICEI PASSANO 8 SU 10 - Per quanto riguarda la specificità della Calabria, nella scuola secondaria di I grado, la scuola media, risultano complessivamente ammessi il 96,4% degli studenti in aumento dello 0,6 rispetto allo scorso anno, conseguentemente i non ammessi risultano essere il 3,6% del totale. Valori che pongono la regione esattamente nella media nazionale dove il dato si discosta solo dello 0,1% (96,3% ammessi e 3,75 non ammessi). Nella scuola secondaria di II grado, gli istituti superiori, la situazione è ovviamente diversa anche se in questo caso la Calabria si pone nei totali al di sopra della media nazionale. Nello specifico nell'anno scolastico appena trascorso sono risultati ammessi il 67,8% degli studenti, il 23,4% si trova invece nello stato di sospensione dal giudizio e infine l'8,8% risulta non ammesso. Rispetto allo scorso anno, la Calabria fa registrare un incremento dell'1,1% tra gli ammessi, mentre si è registrato un calo dello 0,5% tra i sospesi dal giudizio e dello 0.6% tra i non ammessi. Per quanto concerne, specificatamente, i singoli istituti: nei Licei calabresi risultano ammessi il 79,7% degli studenti (17,3% sospesi dal giudizio e 3% non ammessi), negli Istituti tecnici risultano ammessi il 58,8% (29,8% sospesi del giudizio e 11,5% non ammessi), negli Istituti professionali risultano ammessi il 59,5% degli studenti (25% sospesi dal giudizio e 15,4% non ammessi) e, infine, negli Istituti artistici la Calabria fa segnare il 69,9% degli ammessi (19% sospesi dal giudizio e 11,1% non ammessi).
I MIGLIORI NELL'ISTRUZIONE ARTISTICA - Per quanto concerne i dati rapportati tra regioni la percentuale più alta degli ammessi per la secondaria di I grado si registra in Basilicata con il 97,6%, seguita dall’Emilia Romagna con il 97,1%, la Puglia 96,8% e le Marche con il 96,8%. Nella secondaria di II grado invece è il Trentino Alto Adige ad avere la percentuale più alta con il 77,2%, segue la Puglia con il 69,5% e l’Umbria con il 69,2%. Nelle secondarie di II grado l’aumento più consistente si registra negli Istituti professionali, dal 52,2% dell’anno scorso al 54,9% di quest’anno. Sono la Valle d’Aosta (68,1%) e l’Umbria (61,9%) le Regioni con la percentuale più alta di ammessi in questi Istituti. La più alta percentuale di ammessi si conferma nei Licei con il 72,8% (l'anno scorso era del 71,8%) a livello regionale sono il Trentino Alto Adige, con l’88,3%, la Puglia, con l’82% e la Calabria con il 79,7% ad avere la quota più alta di ammessi. Per quanto riguarda gli Istituti tecnici le Marche registrano il tasso di ammissione più alto (62,1%), mentre per l’Istruzione Artistica è la Calabria con il 69,9%.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?