Salta al contenuto principale

Arti&Mestieri 2.0, al Castello di Cosenza i giovani talenti che si valorizzano da soli - VIDEO 

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

COSENZA - Dalle arti antiche degli arazzi e della liuteria a quelle moderne della realtà aumentata, video mapping e light painting. Passando per la tela gigante dipinta interamente a penna bic con tre anni di lavorazione da Jeanfrancois Pugliese e che finora ha fatto il giro del mondo tra Bruxelles, Tokyo, Parigi.

Per tre giorni, dal 27 al 29 gennaio,  il Castello Normanno Svevo di Cosenza ha ospitato l'evento "Arti&Mestieri 2.0", una mostra realizzata dai ragazzi delle associazioni Venti e Rigenerazione per dare risalto ai giovani talenti calabresi.

Ogni area del Castello è stata invasa dalla creatività, con dipinti, illustrazioni, mostre fotografiche ed estratti da libri di giovani autori. Una sorta di mega officina dove i pittori avvolti nei loro camici da lavoro dipingevano, i fotografi scattavano attrezzati fotografico o tra i visitatori, i musicisti suonavano e accompagnavano i reading degli scrittori. In un connubio di arti differenti che ha favorito la contaminazione tra artisti di generazioni diverse, sia under 35 sia più "anziani".

"Questa è stata la prima edizione, resa possibile anche dalla collaborazione dell'associazione Rigenerazione, di Maccaroni Chef Accademy e al contributo di tanti ragazzi volontari - ha spiegato Elvira Scarnati, presidente di Venti - la nostra intenzione è quella di replicare e di dare la possibilità anche ad altri artisti di esporre e perché no, anche di vendere le loro opere"

A tavola con Re Alarico e l'imperatore Federico II

Tra l'altro gli studenti dell'IIS Pezzullo di Cosenza, hanno dimostrato che la dieta mediterranea ha origine ai tempi dell'imperatore Federico II. I risultati della loro ricerca sul cibo ai tempi di Re Alarico sono stati presentati durante la manifestazione. A coordinare e presentare il lavoro dei giovani è stata la professoressa Filomena Cassese, che ha spiegato: "I ragazzi hanno svolto questo studio sia online sia avvalendosi di alcuni testi antichi che si trovano nella nostra biblioteca, punto di forza della nostra scuola".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?