Salta al contenuto principale

Start Cup Calabria 2017, le trenta idee d’impresa

che accedono alla fase finale dell’Academy 

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La fase di selezione
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

CATANZARO - C’è chi si occupa della cura del diabete, chi vuole produrre super-food e chi, addirittura, pensa a riciclare pezzi di elettrodomestici ormai dismessi. Ce n’è per tutti i gusti e tutti i settori in questa edizione della Start Cup Calabria, che ha visto un incremento di progetti afferenti alle Life Science e all’Industrial. Non più solo ICT, insomma. Sono i dati che emergono a conclusione del Village (lo scouting itinerante in giro per la Calabria) della IX edizione della Start Cup Calabria, la competizione di idee d’impresa innovative organizzata da CalabriaInnova, Università della Calabria, Università Magna Graecia e Università Mediterranea.

Sono circa 180 gli aspiranti startupper che si sono presentati alle tappe dello scouting, per un totale di circa 70 idee innovative registrate e provenienti da diversi settori: dall’agrifood alle scienze della vita, dall’ict all’industrial. Di questi, solo 30 progetti accedono alla fase di formazione, l’Academy, in programma presso il ContaminationLab dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. La selezione degli ammessi, disponibile da oggi sul sito www.startcupcalabria.it, è stata orientata da tre criteri: originalità e fattibilità dell’idea di business; potenzialità di sviluppo del progetto imprenditoriale; adeguatezza delle competenze del team.

Le idee sono promosse da ricercatori, che ritornano protagonisti, da laureati, studenti e da numerosi aspiranti imprenditori. La distribuzione degli aspiranti startupper vede il 58% residente nella provincia di Cosenza, il 20% nella provincia di Reggio Calabria, il 11% nella provincia di Catanzaro e il restante 11% tra Lamezia Terme, Vibo Valentia e Crotone.

Le 30 idee ammesse continuano il loro percorso partecipando alla fase II, l’Academy, la settimana intensiva per approfondire le proposte raccolte, che prevede sessioni di tutorship per trasformare le idee in progetti d’impresa. La formazione si terrà dal 26 al 30 giugno presso la Mediterranea di Reggio Calabria: una settimana di approfondimento sui temi del business plan, utile per focalizzare e approfondire il mercato di riferimento del proprio progetto d’impresa.

Per il secondo anno consecutivo la settimana di mentorship vedrà la partecipazione di I3P, l’Incubatore delle Imprese Innovative del Politecnico di Torino. Il 3 luglio, invece, presso l’Università della Calabria, verranno scelte le 10 idee d’impresa ritenute più sostenibili sul mercato attraverso una vera e propria Pitch Competition. I migliori parteciperanno all’evento finale, gli Awards, in programma il prossimo 14 luglio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?