Salta al contenuto principale

Il Censis premia l'Unical: è tra le prime cinque università italiane. Il rettore: «Risultato che valorizza i servizi offerti»

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

COSENZA - L’Università della Calabria si conferma nella top 5 delle migliori università d’Italia, secondo la classifica del Censis. «Siamo soddisfatti delle ottime performance del nostro ateneo, soprattutto nel campo dei servizi – afferma il rettore Gino Mirocle Crisci – con un punteggio di 110 che ci pone in testa tra le grandi università statali italiane, con numero di iscritti tra i 20.000 e i 40.000. Un risultato che dà conto dei servizi offerti agli studenti, in termini di numero di pasti, numero di posti e contributi garantiti agli studenti residenti fuori regione e numero di posti letto, che nella prossima classifica cresceranno ancora di più grazie alle nuove residenze appena inaugurate. Buona la posizione anche per quanto riguarda la spesa per le borse di studio erogate e le strutture dell’ateneo, come le biblioteche o i laboratori scientifici. Purtroppo i dati Censis fanno registrare un calo rispetto allo scorso anno, dei parametri relativi alla comunicazione e all'informatizzazione, punteggio derivante dall’analisi delle caratteristiche e delle funzionalità dei siti web di ateneo, dei rispettivi profili social ufficiali e dall’efficienza di risposta restituita da questi canali. In lieve flessione anche il grado di internazionalizzazione, ovvero la capacità di attrarre studenti stranieri e la quantità di risorse messe in campo per la mobilità internazionale. In entrambi i campi, comunque, - spiega il rettore - stiamo lavorando per garantire maggiore efficienza e per favorire la mobilità internazionale degli studenti».

«Da sottolineare – continua il rettore – anche il buon posizionamento, nell’ambito delle classifiche didattiche, del Corso di laurea a ciclo unico di Farmacia e farmacia industriale, che vede l’Unical al 12° posto della graduatoria, seconda università tra quelle del Sud, soltanto di un posto sotto alla Federico II di Napoli».

«La fotografia del Censis che l'istituto di ricerche socio-economiche elabora ogni anno – conclude il rettore – costituisce senz’altro uno strumento utile per orientare gli studenti nella complessa scelta del corso di studi, nell’imminenza delle immatricolazioni. Scegliere l’Unical significa avere l’eccellenza nella qualità dei servizi, ma anche nella varietà dei corsi di laurea offerta. Nei prossimi giorni sarà pubblicato il nuovo bando tasse per l’anno accademico 2017/2018 che prevede molte novità, introdotte per recepire lo spirito delle recenti disposizioni sulla no tax area istituita dalla Legge di Stabilità 2017 e per darne una attuazione concreta e pienamente rispondente alle difficoltà in cui versano molte famiglie calabresi. Nelle tradizionali giornate di “Ti presento campus” illustreremo ai nostri futuri studenti e alle loro famiglie, tutto quello che l’esperienza Unical offre, sul piano della didattica, della formazione, dei servizi, della vita sociale e culturale».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?