Salta al contenuto principale

Vibo, il lago Angitola si ritira per la siccità ed emerge dal fondale una statua in bronzo di una ragazza

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La statua scoperta in fondo al lago Angitola
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

MAIERATO - Quello che non ti aspetti dalla siccità: il lago si ritira e riporta alla luce una statua in metallo, per la precisione bronzo. Ha una forma genuflessa, i lineamenti gentili e definiti, un'altezza di 70 cm ed è in ottimo stato di conservazione.

L'età? Secondo i primi accertamenti esperiti sul luogo dovrebbe essere contemporanea (LEGGI LA NOTIZIA CHE SVELA IL MISTERO DELLA STATUA). Rimasta sul letto del bacino artificiale dell'Angitola, coperta dall'acqua che, vista la marcata siccità di questa estate, si è progressivamente sgretolato portandola alla luce. A fare la scoperta è stato un 47enne di Monterosso, Vito Ruscio che questo pomeriggio si è recato sulle sponde del lago per vendere le tartarughe assieme al figlio.

Ad un certo punto ha notato il busto e due braccia tese fuoriuscire in superficie. Avvicinandosi ha capito che si trattava di una statua di metallo, questo in quanto il rumore dei sassolini lanciati contro l'effigie era tipico di quel materiale. Ruscio, a questo punto, ha chiamato il sindaco Danilo Silvaggio, per renderlo partecipe della scoperta, il quale, a sua volta, ha fatto pervenire sul posto degli esperti in storia dell'arte.

Verso le 20 la statua è stata imbracata dai vigili del fuoco e portata sul terreno per consentire agli studiosi una datazione più precisa possibile e la provenienza. In base alle prime verifiche, la donna di bronzo, recante le iniziali A.P., sembrerebbe essere opera di artisti della Campania o del Veneto.

Tuttavia, secondo alcuni dei presenti potrebbe trattarsi anche di un arredo abbandonato sul posto di scarso valore storico-artistico.

Ad ogni modo serviranno ulteriori esami per stabilire con certezza il luogo di "nascita" e magari da quale mano sia stata forgiata.

Una volta terminate le operazioni, si è deciso di consegnare la statua ai Carabinieri che la custodiranno presso la caserma fino all’arrivo del personale dell Sovrintendenza di Reggio Calabria chiamato a verificare le caratteristiche della statua. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?