Salta al contenuto principale

I 45 anni di Pietro Fantozzi all'Unical in pensione dall'1 novembre

"L'Unical resta uno dei più grandi successi di questa regione"

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Pietro Fantozzi
Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

DAL primo novembre Pietro Fantozzi, ordinario di Sociologia dei fenomeni politici presso l’Unical e decano dei sociologi politici italiani, andrà in pensione. La due giorni di dibattito su politica e disuguaglianze che si apre oggi – giovedì 5 ottobre – all’Unical è stata organizzata dal Dipartimento di Scienze politiche e sociali e dall’Associazione italiana di sociologia anche in suo onore e si chiuderà domani alle 15 in aula Magna con la sua lezione magistrale: “Sociologia, politica e disuguaglianze: riflessioni su 45 anni di ricerca e di impegno di un sociologo politico in una Università meridionale”. QUI LA PRESENTAZIONE DEL CONVEGNO 

Quarantacinque anni tutti trascorsi da Fantozzi all’Università della Calabria, dove il professore è arrivato il 4 dicembre del 1972, lasciando una borsa quadriennale presso l’ateneo di Ancona per seguire Giordano Sivini e contribuire alla nascita della prima università calabrese e primo campus italiano.

Il ricordo più intenso di quella prima stagione, racconta oggi Pietro Fantozzi al Quotidiano del Sud, risale al 1978: «Si laureava il mio primo tesista. Io ero molto giovane: tenga conto che arrivai qui a 25 anni e molti dei miei studenti erano più grandi di me e lavoravano. Quel ragazzo veniva da una frazione di Acri. Mi invitò a cena, che poi era una festa con circa un centinaio di persone, e presi posto accanto ai genitori. Dopo un po’ mi accorsi che il padre non sapeva leggere né scrivere. Lì mi resi conto delle potenzialità che aveva questo ateneo e del salto che consentiva di fare in una sola generazione: dall’analfabetismo alla laurea. Potenzialità che purtroppo negli anni, per azioni esterne e interne, sono state frenate. Nonostante questo, nonostante tutti i limiti e pur con la consapevolezza che si poteva fare di più, io oggi credo che l’Unical resti uno dei più grandi successi di questa regione. Forse il più grande. Ed è stata la mia vita».

Potete leggere l’intervista al professor Fantozzi – con il racconto della prima stagione dell’Unical, il giudizio sui suoi studenti (alcuni diventati poi consiglieri regionali e parlamentari) e le riflessioni sulla Calabria di oggi – sull’edizione cartacea del Quotidiano del Sud oggi in edicola o acquistandola dallo store digitale.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?