Salta al contenuto principale

"Imperatores", nove secoli di storia a Catanzaro

In mostra dalle armature ai simboli del potere

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il complesso San Giovanni a Catanzaro
Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

CATANZARO - Nove secoli di storia romana nella mostra "Imperatores", dal 5 dicembre al 28 febbraio prossimi al Complesso Monumentale del San Giovanni di Catanzaro. Organizzata dalla "4culture" in collaborazione con E-bag per la cultura, con il sostegno della Regione Calabria ed il patrocinio del Comune di Catanzaro, la mostra dopo la Calabria approderà anche a New York.

L’esposizione racconta il lungo processo evolutivo del potere, tra il VI sec a.C. ed il III sec. d.C., attraverso le ricostruzioni delle armature e dei simboli su di esse raffigurati ed è frutto di uno studio condotto dall’architetto Silvano Mattesini.

Saranno presenti in mostra anche alcuni oggetti-simbolo del mondo del cinema, come le corazze anatomiche e gli elmi originali dei film Quo Vadis (1951), Il Gladiatore (2000) e Ben Hur (2016).

Sarà possibile, attraverso l’uso di sofisticate e innovative tecnologie, fare una "visita immersiva" che condurrà gli spettatori in un viaggio nella storia e negli avvenimenti che hanno segnato profondamente i cambiamenti della società e della cultura occidentale. Le sale espositive saranno animate dai personaggi imperiali del mondo romano che prenderanno vita e si materializzeranno attraverso la tecnologia virtuale dell’ologramma.

La grande mostra, realizzata anche con il supporto di partner privati, sarà corredata da eventi di approfondimento dedicati al diritto romano, il rapporto tra impero e chiesa, la proprietà intellettuale durante l’antica Roma e molto altro. Agli studenti ed ai più piccoli saranno dedicati i laboratori ludico-didattici e per le scuole sono previste visite guidate opportunamente calibrate per età e grado di preparazione degli allievi ed alle quali sarà possibile abbinare anche un percorso di visita al Museo Archeologico e Numismatico Provinciale di Catanzaro, partner della mostra.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?