Salta al contenuto principale

Reggio Calabria, intervento all'avanguardia in Cardiochirurgia

Impiantante valvole aortiche senza l'utilizzo di un bisturi

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
L'ospedale di Reggio Calabria
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

REGGIO CALABRIA - Interventi clinici all'avanguardia presso «la Cardiochirurgia del Grande Ospedale Metropolitano "Bianchi-Melacrino-Morelli" di Reggio Calabria» dove «sono stati eseguiti i primi interventi di impianto di una valvola aortica attraverso un catetere e senza bisturi».

A illustrarlo in una nota è il direttore del reparto Pasquale Fratto. «Questa tecnica, conosciuta come TAVI - prosegue - consiste nell’introdurre attraverso l’inguine una valvola artificiale biologica premontata su un catetere per sostituire la valvola aortica stessa. L’impianto di tali protesi biologiche è indicato per i pazienti anziani e che presentano un rischio chirurgico elevato, legato alla concomitante presenza di altre malattie che coinvolgono altri organi. Tutti i pazienti sono stati regolarmente dimessi dopo una breve degenza ed ai controlli dimostrano un netto miglioramento della qualità di vita. Prosegue, dunque, il percorso di consolidamento dei vari programmi a 15 mesi dall’apertura della Cardiochirurgia del Centro Cuore di Reggio Calabria (LEGGI LA NOTIZIA).

L’attività ormai avanza regolarmente con centinaia di pazienti operati in elezione o emergenza/urgenza, sia con tecniche tradizionali che innovative. In particolare, sono stati eseguiti con successo numerosi interventi per la chiusura con catetere del forame ovale pervio (piccolo foro nel cuore) e per il trattamento mininvasivo delle valvole con utilizzo di protesi senza sutura e con piccole incisioni di pochi centimetri. Si tratta di protesi biologiche conosciute come 'sutureless' che riducono i tempi dell’intervento».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?