Salta al contenuto principale

La Calabria raccontata dai post Millennials

«Non siamo una generazione senza valori»

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

“I giovani d’oggi sono cambiati, non hanno molta voglia di lavorare e mettersi in gioco”. “I giovani d’oggi sono apatici e solitari”. Sono soltanto alcuni dei luoghi comuni che spesso vengono utilizzati per descrivere le nuove generazioni. A mio parere non siamo questo tipo di generazione, siamo esattamente l’opposto. Certo ci sono delle sostanziali differenze con le altre generazioni, ma sono semplicemente cambiati i tempi (...). Bisogna terminare il repertorio dei luoghi comuni e delle generalizzazioni, ci sono giovani capaci e promettenti (a mio parere la maggioranza) che aspirano a diventare avvocati, dottori, ingegneri, economisti e che quindi sacrificano giornate di divertimento per studiare.

SCOPRI I CONTENUTI DELL'INIZIATIVA
"LA CALABRIA RACCONTATA DAI POST MILLENNIALS"

Molto interessante è la ricerca realizzata da Campus/Salone dello studente e dal Dipartimento di Psicologia dei processi di sviluppo e socializzazione dell’Università La Sapienza, su un campione di 2.130 studenti degli ultimi anni della scuola secondaria di secondo grado. Dalla ricerca è emerso, contrariamente a quanto viene ogni giorno sostenuto, che i giovani teenager italiani rifiutano scorciatoie e compromessi e credono nella stragrande maggioranza dei casi nei valori della solidarietà e della democrazia, evitando le differenze etiche e religiose. Un ricerca molto importante che dimostra come valori e principi siano ancora fondamentali anche per i millennials.

“Non siamo una generazione senza valori”. Dice questo di sé e dei suoi coetanei Giuseppe Sposato, 21 anni, studente di Scienze politiche dell'Università della Calabria. E cita dati e indagini per smontare quelli che ritiene i luoghi comuni più diffusi sulla sua generazione.

In alto pubblichiamo alcuni stralci del suo intervento, apparso venerdì 25 maggio nella rubrica "Post Millennials", lo spazio dedicato dal Quotidiano del Sud ai ragazzi tra i 16 e i 22 anni (LEGGI I DETTAGLI DELL'INIZIATIVA).

L'intervento integrale è disponibile nello store digitale (CLICCA QUI PER ACCEDERE).

Nell'edizione di oggi 1 giugno, intanto, una nuova puntata della rubrica sull'edizione del giornale disponibile in edicola o nello store digitale (CLICCA QUI PER ACCEDERE).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?