Salta al contenuto principale

Appello del garante per l'infanzia Antonio Marziale

«Urge volo che trasporti un bimbo all'ospedale di Cagliari»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Antonio Marziale
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

REGGIO CALABRIA - Un drammatico appello giunge dal Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria Antonio Marziale il quale ha chiarito che «urge un volo che accompagni dal Policlinico di Messina alla Pediatria di Cagliari un bambino di due anni e mezzo, Moise, che, da quando è nato, non ha mai visto la luce del sole perché ospedalizzato, prima a Polistena, poi nel nosocomio messinese».

Marziale si sta impegnando affinché il bambino raggiunga il capoluogo sardo e, dopo il passaggio ospedaliero, goda di assistenza in una comunità affidataria che lo attende dal giugno dello scorso anno. «Ci troviamo di fronte - ha affermato - ad una situazione incresciosa: lo scorso giugno, il presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria Roberto Di Bella ha emesso una ordinanza di trasferimento del bambino a Cagliari che, come è evidente, è stata disattesa. Il bambino, pur non essendo considerato in stato di 'imminente pericolo di vitàa', ha già contratto nel reparto di terapia intensiva pediatrica siciliana, due infezioni e l’eventualità della terza potrebbe risultare fatale. Perciò è necessario che venga trasportato prima possibile anche se, nonostante l’attenzione istituzionale del Garante, del Tribunale per i minorenni, della Prefettura reggina e del Questore di Reggio, la situazione non si è sbloccata, anzi c'è chi ha chiesto proprio al Garante di accollarsi le spese del viaggio in aereo di linea con assistenza solo dei genitori affidatari, cosa che ritengo del tutto impossibile».

«Al riguardo - ha concluso Marziale - mi preme evidenziare di aver ricevuto un messaggio in mattinata dal senatore Maurizio Gasparri che, venuto a conoscenza della triste vicenda, ha interessato la Regione siciliana che, a quanto pare, starebbe finalmente disponendo il volo con l’ausilio della Croce Rossa. In ogni caso, resta nella sua portata umana e sociale, il calvario di questo bambino».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?