Salta al contenuto principale

Dal 13 luglio e fino a settembre cantieri chiusi in Autostrada

Botta e risposta tra Oliverio e Anas sull'A2 del Mediterraneo

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Un cantiere sull'A2
Tempo di lettura: 
4 minuti 2 secondi

CATANZARO - Si avvicina la stagione di punta per il turismo calabrese e come ormai prassi l'Anas «per evitare impatti sul traffico durante l’esodo estivo» ha annunciato che «tutti i cantieri mobili attivi in Calabria lungo l’A2 "Autostrada del Mediterraneo" saranno completamente rimossi entro il 13 luglio, in concomitanza con l’aumento dei flussi veicolari diretti verso le località di mare. Tutte le attività di manutenzione programmata riprenderanno a partire da settembre».

L'Anas con un comunicato anche in relazione alla richiesta rivolta oggi al presidente, Gianni Vittorio Armani, dal Governatore della Calabria, Mario Oliverio (LEGGI IN BASSO).

«I lavori di manutenzione in corso - si aggiunge nella nota - rientrano nel Piano organico varato nel 2016 per garantire agli utenti dell’autostrada sempre i migliori standard qualitativi, con un continuo innalzamento della sicurezza e del confort di viaggio. Un esempio di buona gestione, mutuato in qualsiasi altra parte del mondo. Per tali attività (nuova pavimentazione, segnaletica, impianti in gallerie, ecc.), ad oggi sono attivi sulla A2 otto cantieri, che impegnano complessivamente 20 chilometri dell’intero tracciato, lungo 432 chilometri. Grazie a questi lavori, fin dall’inizio dell’esodo estivo, i viaggiatori avranno tra l’altro a disposizione ben 150 chilometri di carreggiata con nuova pavimentazione, mentre nove sono le gallerie rinnovate nel tratto tra Cosenza ad Altilia».

L'Anas precisa come «il Piano di manutenzione programmata della A2 si inserisce in un più ampio quadro di azioni dell’azienda, volto ad accrescere la capacità trasportistica nel Sud e l'interconnessione con i principali nodi logistici e commerciali del territorio, attraverso il miglioramento dei livelli di servizio delle arterie di competenza. In particolare, nelle tratte calabresi ricomprese tra Cosenza Sud ed Altilia Grimaldi, tra Morano e Sibari e tra Pizzo e Sant'Onofrio, i lavori puntano al risanamento profondo della pavimentazione, alla sostituzione dei giunti di dilatazione, alla protezione passiva del corpo stradale con l’istallazione di barriere paramassi e reti corticali sulle pendici, al restyling delle gallerie con rifacimento degli impianti di illuminazione con tecnologia a Led ed al miglioramento delle caratteristiche illuminotecniche».

In conclusione, inoltre, «sono in corso lavori di implementazione dei pannelli a messaggio variabile, di regimentazione delle acque, di ripristino corticale dei calcestruzzi ammalorati dei tombini, dei cavalcavia (nello specifico lungo gli svincoli di Rogliano, Pizzo e Sant'Onofrio) e di integrazione delle recinzioni autostradali. Altri recenti interventi di pavimentazione, con stesa di un nuovo tappeto drenante, sono stati eseguiti tra Tarsia e Montalto Uffugo, tra Falerna e Lamezia Terme, in Calabria, e tra Salerno e San Mango Piemonte ed Eboli e Battipaglia, in Campania. Infine, sono in corso lavori di adeguamento, sempre nel tratto campano, delle gallerie Serrone Tondo, Montevetrano I e II, che fanno parte del percorso della rete Ten-T».

LA LETTERA DI OLIVERIO AL PRESIDENTE ANAS GIANNI VITTORIO ARMANI

In relazione all’elevato numero di cantieri aperti sull'A2, il presidente della Regione, Mario Oliverio, ha scritto al Presidente della Anas Gianni Vittorio Armani. sostenendo come «con l’inizio del periodo turistico più importante dell’anno per la Regione Calabria, in termini di presenze di visitatori, rileviamo ancora un numero decisamente elevato di cantieri di lavorazione aperti che riducono la viabilità stradale, in particolare sull'Autostrada A2, procurando notevoli disagi all’utenza. La A2 rappresenta la infrastruttura più importante di collegamento esistente in Calabria che lo scorso anno ha avuto, come noto, il maggior incremento percentuale di traffico nel periodo estivo rispetto a tutte le altre arterie stradali gestite da Anas».

Il presidente della Regione ha precisato come «la possibilità che essa possa essere percorsa utilizzando tutte e quattro le corsie è fondamentale per garantire massima sicurezza e confort di viaggio per una Calabria sempre più accogliente. Già in occasione dell’evento pubblico organizzato congiuntamente ad Anas lo scorso 9 maggio presso il museo archeologico di Sibari ebbi a manifestare pubblicamente l’esistenza di tale problematica, chiedendo ufficialmente l’impegno di Anas alla chiusura di tutti i cantieri per il periedo estivo. Purtroppo devo constatare che i cantieri rimangono aperti con notevoli disagi per l’utenza».

Oliverio denuncia come «dopo la efficace campagna di comunicazione fatta lo scorso anno sulla A2 Mediterranea, la riproposizione di una situazione di precarietà con interruzioni e disagi, rischia di alimentare sfiducia e perdita di credibilità - continua Oliverio - Nell’esprimere profondo rammarico per quanto si sta verificando chiedo di conoscere la data entro cui tutti i cantieri sulla A2 saranno rimossi auspicando che ciò possa avvenire con immediatezza. Chiedo, altresì, che il ripristino della circolazione sulle due carreggiate sia accompagnato da una adeguata campagna di comunicazione nazionale per evitare implicazioni negative e danni a causa di quanto si sta verificando in queste settimane. E' opportuno, inoltre, che per gli interventi futuri di manutenzione ordinaria e straordinaria, necessari e indispensabili per migliorare la sicurezza e la fruizione delle strade gestite da Anas in Calabria, la Regione Calabria, sia informata preventivamente al fine di concordare i piani di intervento».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?