Salta al contenuto principale

Sky dedica l'American Crime story al calabrese Gianni Versace

Ma sul racconto della morte dello stilista piovono critiche

Calabria
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Gianni Versace e, nella foto successiva, Edgar Ramirez che lo interpreta
Tempo di lettura: 
2 minuti 18 secondi

REGGIO CALABRIA - Mancano dieci giorni alle messa in onda in esclusiva della serie "The Assassination of Gianni Versace" la fiction di Sky che racconta la morte del noto stilista calabrese,nato a Reggio Calabria il 2 dicembre 1946, avvenuta in modo violento il 15 luglio 1997 nella sua villa di Miami Beach. La serie, dunque, ancora non è andata in onda ma già suscita i primi commenti negativi da parte di chi ha vissuto a stretto contatto con l'artista e che, quindi, lo conosceva bene. A puntare il dito contro la produzione di Ryan Murphy che rientra nella serie America Crime Story (grande il successo per la precedente messa in onda riguardante il caso di O.J. Simpson accusato del duplice omicidio della moglie trentacinquenne di Simpson, Nicole Brown, da cui aveva divorziato nel 1992, e dell'amico Ronald Lyle Goldman) sono sia l'ex compagno di Gianni Versace, Antonio D'Amico, sia la sorella dello stilista Donatella Versace.

In particolare, D'Amico il quale dopo aver visto uno scatto dal set con Ricky Martin (che interpreta proprio D'Amico) ed Edgar Ramírez (che interpreta Gianni Versace) ha contestato la ricostruzione. Nello scatto i due sono pieni di sangue sui gradini di Casa Casuarina su Ocean Drive, a Miami Beach e l'immagine rievoca il momento in cui Antonio ha prestato soccorso a Gianni all'esterno della villa, poco dopo che il colpo di pistola di Cunanan ha freddato lo stilista, mentre rientrava con i giornali del mattino. Ma sul punto D'Amico precisa che «l'immagine di Ricky Martin che lo abbraccia è ridicola, imita la Pietà ma si tratta di una licenza poetica del regista. Io non reagii in quel modo».

A questa costestazione ha poi fatto eco in modo anche più deciso la famiglia Versace che attraverso una nota ha fatto sapere di non aver «autorizzato né ha avuto alcun coinvolgimento nella serie televisiva dedicata alla morte di Gianni Versace. Dato che Versace non ha autorizzato il libro da cui è parzialmente tratta, e non ha preso parte alla stesura della sceneggiatura, questa serie televisiva deve essere considerata un'opera di finzione».

Una vera e propria condanna per una serie che pur attraverso un racconto romanzato ha l'ambizione di illustrare fatti realmente accaduti ma che a questo punto, almeno per la famiglia, non gode di una attendibilità storica. 

La serie andrà in onda Italia a partire dal 19 gennaio con un cast di alto profilo che conta Penelope Cruz nei panni di Donatella Versace, Edgar Ramirez nel ruolo di Gianni Versace e Ricky Martin in quello di Antonio D'Amico, compagno dello stilista. In occasione della serie tv, l’emittente americana rende omaggio allo stilista anche con una serie di video interviste in esclusiva: fra cui quella con il giornalista Tony di Corcia, autore della biografia «Lo stilista dal cuore elegante»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?