Salta al contenuto principale

Lega Pro: il derby al Catanzaro
Sassaiola dei tifosi giallorossi

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

IL CATANZARO si aggiudica il derby del "Ceravolo" contro il Cosenza imponendosi per 1-0. Decisivo un gol di Bernardo segnato al primo minuto del secondo tempo. La partita è stata combattuta e giocata bene da entrambe le squadre. Anche il Cosenza ha avuto qualche occasione da gol che però non è riuscito a fruttare. Le due squadre hanno colpito anche un palo per parte. E' toccato prima agli ospiti (traversa di Arrigoni) prima del palo di Mancuso. Nel finale Cosenza in dieci per l'espulsione per proteste di Cori.

Prima del fischio d'inizio momenti di tensione tra i tifosi del Catanzaro e la polizia. Un gruppo di sostenitori della squadra di casa ha tentato di avvicinarsi al convoglio delle Forze dell’ordine che scortava i circa duecento tifosi cosentini arrivati in città per assistere alla partita. La presenza degli agenti ha impedito il contatto ed così è scaturita una sassaiola contro le vetture della Polizia, alcune delle quali sono state danneggiate. I tifosi cosentini hanno comunque potuto raggiungere senza problemi il settore dello stadio loro riservato.

La Reggina invece non va oltre il pari contro la Juve Stabia, ma può ritenersi soddisfatta del punto conquistato di fronte ad una delle squadre più forti del girone C di Lega Pro. Masini e compagni avrebbero meritato di vincere, ma è mancata loro la necessaria convinzione per andare in gol. La Reggina è apparsa un po’ timorosa nell’affondare, la sua migliore punta, Masini, non ha trovato il tempo e la determinazione per affondare. La squadra di Alberti, in ogni caso, ha creduto fino in fondo nella possibile vittoria, ma l’opportunità di piazzare il colpo vincente e portare a casa i tre punti, le è capitata negli ultimi minuti, quando Cancellotti si è fatto espellere per doppia ammonizione, lasciando in dieci la sua squadra.

Ieri in campo la Vigor Lamezia che ancora lontano dalle mura amiche va vicina alla vittoria. Ma questa volta il pari viene accettato senza recriminazioni visto che poteva pure arrivare la beffa al 94’ (traversa di Gigliotti) dopo che la Vigor con Held poco prima ha fallito due grosse occasioni. Quello che conta infatti è che la Vigor di Erra esce indenne dallo “Zaccheria” di Foggia muovendo ancora la classifica. Un match finito a reti bianche e alla fine il pari ci sta tutto.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?