Salta al contenuto principale

Crisi Catanzaro, Cosentino: «Pronto
a lasciare se arrivano imprenditori»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

CATANZARO – Hanno fatto rumore le dichiarazioni rilasciate lo scorso martedì dal presidente Cosentino sulla sua volontà di abbandonare la barca giallorossa al termine dell’attuale stagione. Ora, nel tentativo di minimizzare il dirompente effetto di quelle dichiarazioni, lo stesso numero uno della società giallorossa, che ieri ha “incassato” l’appoggio del primo cittadino Sergio Abramo che in una nota lo invita a superare il momento di sconforto, ha provato a chiarire i termini della sfogo spiegando di essere pronto a mettersi da parte solo nel caso ci siano uno o più imprenditori «capaci di dare vita ad un progetto sportivo più competitivo e più rispondente alle aspettative della tifoseria di quello che le forze e le risorse della mia azienda e della mia famiglia riescono ad assicurare».

Cosentino rivendica comunque la bontà del lavoro fin qui svolto: «Ho sempre lavorato per fare del club giallorosso una società seria, rispettata e sana sia dal punto di vista morale che da quello finanziario» e dopo avere ancora una volta ammesso gli errori commessi e palesato la delusione per essere stato fatto oggetto della sonora contestazione del pubblico al termine della gara della scorsa domenica, conferma il suo impegno per il prossimo futuro: «Ai tifosi e alla città assicuro che fino all’ultimo giorno in cui sarò alla guida della società il Catanzaro disputerà un campionato onorevole e dignitoso, guadagnandosi il massimo rispetto sul campo e fuori dal campo, come è stato dal mio arrivo fino ad oggi».

Aldilà di tali questioni e dell’effetto che, precisazioni a parte, minacciano di avere sugli umori, già abbastanza focosi della piazza, le attenzioni di squadra e staff tecnico sono orientate ora sulla prossima sfida in casa della corazzata Foggia. Per la difficile gara allo Zaccheria, D’Urso ha la possibilità di avere a disposizione Bernardi, bloccato all’esordio da una vecchia squalifica. Oltre all’impiego fin dallo start del laterale ex Cosenza, peraltro, non sono escluse altre variazioni nell’undici titolare con un possibile aumento di minutaggio per gli ultimi arrivati Taddei ed Agodirin oltre che per il giovane Foresta tutti entrati a gara in corso nel match d’esordio contro la Casertana.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?