Salta al contenuto principale

Il punto sulla serie D, il derby a Roccella è anche una sfida tra ex. Il Castrovillari a caccia di punti salvezza

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
L'esultanza del Castrovillari dopo un gol
Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

ROBERTO SAVERINO

Giornalista pubblicista, scrive per il Quotidiano dal luglio del 1998, occupandosi prettamente di calcio dilettantistico.

Il big match di Cava dè Tirreni caratterizza la seconda giornata di ritorno del campionato di Serie D. In Campania si affrontano la vice capolista Cavese (35 punti, ma con una gara in meno) e la prima della classe Igea Virtus (41 punti). I padroni di casa tentano l’aggancio virtuale, per poi dedicarsi al recupero del match di Palmi, previsto per giorno 18.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA CHE FA
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D 2016/2017

Al big match guarda con attenzione anche il Rende, terzo della classe. I biancorossi sono a -7 dalla vetta ed ovviamente sperano in uno stop della capolista, anche se la squadra di Trocini avrà il suo bel da fare in casa di una Frattese che cerca di dare un senso alla propria stagione, riducendo le distanze dalla zona play off. Gara non facile, allora, per Fiore e compagni.

Altro incontro tutto da vivere è quello fra il Roccella e la Palmese. Una gara nella quale il pareggio non serve. In particolare alla formazione jonica occorre solo una vittoria per avvicinare la zona salvezza. La partita è tutta da seguire anche per la presenza di qualche ex su ambo i fronti. In particolare c’è la sfida a distanza fra Dorato, oggi alla Palmese e fino alla scorsa stagione con il Roccella, e il neo acquisto del club jonico Mimmo Zampaglione, arrivato proprio da Palmi. Chi non può permettersi di steccare è il Castrovillari. I rossoneri di Viola giocano in casa contro l’Aversa Normanna e servono soltanto i tre punti per ridurre le distanze dalla zona play out ed anche da quel 12° posto, attualmente occupato proprio dai campani, che vuol dire salvezza diretta. Il Castrovillari, insomma, in quattro giorni (il 18 recupera a San Cataldo) può rientrare in gioco per la permanenza in categoria.

Resta, infine, il Sersale, ultimo della classe. Bisogna iniziare a vincere per iniziare a sperare. I giallorossi sono ancora a secco di vittorie e dovranno vedersela con il Gela, quinta forza del torneo. Sarà la gara giusta per rompere il ghiaccio?

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?