Salta al contenuto principale

Napoli, rapina finita in sangue. Il gioielliere: mi puntava pistola contro

Campania
Chiudi
Apri
Nella foto: 
FOTO ANSA
Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

"Mi sono visto puntare una pistola contro. Non avevo mai sparato a nessuno". A dirlo, in un colloquio pubblicato dal Messaggero e dal Mattino, è Luigi Corcione, il gioielliere che ha ucciso un ladro a Frattamaggiore, in provincia di Napoli. (LEGGI QUI)

    L'uomo racconta che stava controllando, in casa, i monitor collegati a un sistema di videocamere della gioielleria. La commessa era impegnata con alcuni adolescenti che stavano scegliendo dei regali per San Valentino. "All'improvviso è successo tutto", racconta. Sui monitor è apparso un uomo giovane a volto scoperto, che subito si è infilato la maschera di carnevale di Hulk e ha spianato la strada agli altri tre complici. La commessa ha cominciato a urlare. Da qui la decisione di scendere in strada. Adesso, dice, "mi sento male.
    Non voglio parlare con nessuno".
   

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?