Salta al contenuto principale

La pizzza napoletana come patrimonio dell'umanità

Campania

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

 La pizza napoletana potrebbe diventare patrimonio dell’umanità. La Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco presieduta da Giovanni Puglisi, annuncia il ministero delle Politiche Agricole, ha deliberato di candidare "L'arte dei pizzaiuoli napoletani" nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dell’Unesco per il ciclo 2015-2016. Si tratta dell’unica candidatura italiana per questo periodo. "La decisione della Commissione Nazionale Unesco ci riempie di gioia - ha commentato il ministro Maurizio Martina- soprattutto perché arriva a pochi giorni dall’inaugurazione dell’Esposizione Universale, a Milano, dedicato ai temi della nutrizione".
"La scelta del governo italiano di presentare a Parigi, quale unica candidatura nazionale, quella dell’arte dei pizzaiuoli napoletani, rappresenta il modo migliore per riaffermare l’importanza che il patrimonio culturale agroalimentare ha per l’Italia" ha aggiunto il ministro per il quale "è una decisione rilevante anche per contrastare quei fenomeni di imitazione di questa antica arte italiana e rilanciare le tecniche tradizionali di produzione, tramandate di generazione in generazione".
"Nell’anno in cui l’Italia e l’Europa ospitano l’Expo, candidare come patrimonio dell’umanità uno dei simboli più rilevanti del made in Italy è una scelta che rafforza le politiche del governo di contrasto delle contraffazioni ma anche di promozione nel mondo delle nostre tradizioni agro-alimentari. Sono convinto che riusciremo a convincere l'Unesco che si tratti di un patrimonio da salvaguardare e da valorizzare in tutto il mondo" ha concluso il Ministro Martina.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?