Salta al contenuto principale

Era appena ieri

Campania
Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

Il forte impegno del popolo italiano espresso negli anni del dopoguerra e della ricostruzione si è appannato con la crisi delle ideologie e vanificato poi con la disastrosa vicenda di Tangentopoli. Il sistema infetto della corruzione ha annientato i valori della solidarietà e dell'altruismo. I partiti sono diventati formazioni per la raccolta del consenso senza idee, incapaci di gestire il futuro, limitandosi ad affrontare le emergenze. Strumenti di democrazia partecipativa sono stati costruiti secondo gli interessi di parte e non nel generale interesse. Ne è prova la legge elettorale con la quale gli italiani sono chiamati al voto nella prossima tornata, con i collegi costruiti a misura di appartenenti, che mortificano il principio del cittadino arbitro. Il disagio sociale è cresciuto a dismisura e la mancanza di dialogo e di confronto ha generato quel diffuso senso di malcontento che oggi scivola nella protesta spuria di chi pretende senza dare. Una complicazione significativa si sta consumando con l'avvento delle nuove tecnologie. Esse sono senza controllo. Il web che si dispone spesso ad offendere la dignità umana, che come piazza virtuale impone talvolta messaggi aberranti, che dà della storia vissuta interpretazioni a proprio piacimento è un'ulteriore prova di quanto siano stati svalutati quei valori fondanti nati dalla Resistenza. A tutto ciò si aggiungono questioni mai risolte. Come quella del Mezzogiorno che tra annunci e masterplan stenta a decollare, mentre il divario tra ricchezza e povertà aumenta sempre di più e il fenomeno della emigrazione sta desertificando interi paesi del Sud. Sono queste, ed altre ancora, le emergenze che sfociano nella protesta che viene strumentalizzata da chi ha l’ardire di volersi sostituire alla democrazia. Il neofascismo è figlio della cultura dell’intolleranza, del metodo violento contro il dialogo, dell’uso distorto del malcontento che attraversa il Paese e l’Europa. Porre un’argine a questo pericolo, ieri strisciante oggi sempre più evidente, è preciso dovere della comunità civile. Si può fare, si deve fare, recuperando i valori che diedero vita alla Repubblica e alla Democrazia. Avendo come faro quella Costituzione che detta i principi e le norme per la convivenza civile e che ha come baluardo la difesa della libertà contro ogni tentativo eversivo.

Gianni Festa

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?