Salta al contenuto principale

Verso l'apertura del rigassificatore di Gioia Tauro
Il comitato portuale dà il via libera alla concessione

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 21 secondi

GIOIA TAURO (RC) – Il Comitato portuale ha dato il via libera, a maggioranza, alla concessione demaniale alla società che dovrà realizzare il rigassificatore di Gioia Tauro. Ha votato contro il sindaco di Gioia, Renato Bellofiore, che aveva chiesto un rinvio della seduta a causa della mancanza della certificazione antimafia e del Piano industriale, mentre, con una motivazione diversa, il sindaco di San Ferdinando, Domenico Madafferi, non ha partecipato al voto e si è allontanato, sostenendo che il suo Comune attende le prescrizioni del Consiglio superiore dei lavori pubblici in materia di sicurezza. Contro il rigassificatore si sono schierati anche il sindaco di Palmi, Giovanni Barone, e i due rappresentanti del Sul, il sindacato unitario dei lavoratori, che in precendenza avevano posto una serie di interrogativi di natura tecnica, giuridica e occupazionale assieme alla richiesta di assicurazioni sul valore aggiunto dell’opera. 

Tutti gli altri componenti quindi, dai rappresentanti della Regione Calabria alla Provincia di Reggio Calabria, alla Camera di Commercio, ai rappresentanti degli industriali, di Cisl e Ugl, terminalisti, dogane e capitanerie di porto hanno dato il loro assenso alla concessione demaniale. L’esito del voto è stato accolto con rabbia dai manifestanti, tra cui rappresentanti del Movimento 5 Stelle e di altri partiti, di movimenti ed associazioni, che hanno presidiato per tutta la riunione l’area antistante la cinta doganale del porto. 

Manifestanti che sono stati tenuti sotto controllo con una massiccia presenza di forze dell’ordine in tenuta antisommossa. La protesta si è svolta, comunque, senza incidenti e con il controllo dell’ordine pubblico coordinato dalla Questura di Reggio Calabria

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?