Salta al contenuto principale

Per le perforazioni in mare
si va verso la moratoria

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

POTENZA - Se ne dovrà discutere la settimana prossima in Senato della risoluzione licenziata dalla Commissione Ambiente riguardo royalties ed estrazioni petrolifere. E due sono i punti fondamentali: una moratoria per le estrazioni nell’Adriatico e nel Mediterraneo, visti anche i casi di prospezioni abusive nelle tra Sardegna e Baleari, proprio al confine con le acque territoriali, e accaparrarsi in termini di royalties almeno il 50% della produzione delle società petrolifere che operano invece sul suolo italiano. La questione è che il sensibile aumento sulle royalties sarà destinato esclusivamente a chi si appresta a fare nuove estrazioni.  Contestualmetne bisognerà accentrare la questione con la modifica del titolo V.

L’iter dells risoluzione è iniziato a luglio in commissione Ambiente, in tutto questo tempo il presidente Giuseppe Marinello del Nuovo Centrodestra ha preferito fare audizioni e parlare con i diretti interessati. «Abbiamo previsto - ha detto Marinello - una moratoria sulle attività estrattive di idrocarburi liquidi, un sensibile aumento delle royalty per tutte le attività di nuova coltivazioni e una forte e determinata partecipazione degli enti locali nell'iter autorizzativo.

Lo scopo è salvaguardare interessi strategici ed economici del nostro Paese, con l'esigenza prioritaria della reale tutela dell'ambiente. Si tratta di un importante passo avanti su una controversa e difficile problematica che deve, a nostro avviso, con questo atto, risarcire in qualche modo anche i territori e le popolazioni». Dunque con l’accentramento della gestione dell’energia dovrebbe arrivare, sempre se la risoluzione sarà approvata, un sensibile aumento delle royalties. L’obiettivo sembra chiaro: fare in modo che non solo le regioni petrolifere possano incassare “benefici” dalle estrazioni.

v.panettieri@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?