Salta al contenuto principale

Reti idriche: dopo 6 giorni di digiuno sostegno dei cittadini al sindaco

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 32 secondi

MONTALBANO JONICO - A una settimana dall’inizio dello sciopero della fame per sollecitare il riavvio del lavori alla rete idrica, il sindaco di Montalbano Jonico, Enzo Devincenzis, incassa il primo vero appoggio essenziale: la nascita di un Comitato civico a sostegno della protesta.

«Visto lo sciopero della fame che il sindaco sta attuando già da 6 giorni nella sua stanza -si legge in una nota del neonato sodalizio- per la ripresa dei lavori delle reti idriche e fognarie; vista, ad oggi, la mancata soluzione del problema. Al fine di salvaguardare la salute del Sindaco, che si sta sacrificando personalmente su questo problema, viene costituito un comitato civico, che si esprimerà con una raccolta firme sotto la Casa comunale nelle ore serali dove verrà installato apposito gazebo».

Sabato alle ore 12, il vice comandante della Polizia locale, Nicola Reho, si è recato a Policoro per ritirare le analisi cliniche prodotte ad horas dal laboratorio “Viggiani”. «Una volta ricevute -spiega il sindaco in una nota- ho dettato telefonicamente i valori analitici al dottor Agneta, che mi ha riferito che al momento non vi sono motivi di preoccupazione. Questo è positivo perché mi consente, ancora in tranquillità, di andare avanti fino a soluzione del problema». Ieri sera, devincenzis è stato a messa a Borgo Nuovo in occasione della festa di Santa Maria delle Grazie, per stare vicino ai cittadini, «che mi hanno dato l’onore di svolgere questo mio mandato di sindaco e che meritano questo mio sacrificio per la risoluzione dei problemi posti in essere. -priosegue- Ho ricevuto la visita istituzionale di Cosimo Latronico e del consigliere provinciale Antonio Stigliano; ieri è venuto a farmi visita l’assessore  provinciale Nicola Tauro. La loro visita certifica la legittimità della mia battaglia di civiltà per il bene del mio comune ed anche per gli altri comuni di Basilicata.

Latronico mi ha trasferito il suo impegno a sostenere questa mia iniziativa sia attraverso contatti con il presidente della Regione, che con il Prefetto della Provincia di Matera, con i quali si è sentito alla mia presenza.

Ringrazio Latronico, nonché i consiglieri provinciali Antonio Stigliano e Nicola Tauro, per il convinto sostegno alla mia legittima azione». Oggi ci sarà l’assemblea dei soci di Acquedotto Lucano, a cui parteciperanno tutti i sindaci, nonché il socio di maggioranza, che è la Regione. «È importante questa considerazione -spiega Devincenzis- poiché il socio di maggioranza, cioè la Regione, non può non discordare da acquedotto Lucano e viceversa. È come se nella Fiat Marchionne ed Elkan non si parlassero. Resto fiducioso che nella prossima settimana il problema si risolva ed in attesa resto qui, nella mai stanza, sostenuto dagli assessori, dai consiglieri di maggioranza e soprattutto dai miei concittadini che vengono a farmi visita manifestando la loro solidarietà.

Ringrazio Francesca Martino ed Alessandro Lardo per la creazione di un Comitato civico a sostegno dellq mai azione».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?