Salta al contenuto principale

Trasporti,la Provincia non molla
Servono altri 400 mila euro fino a fine anno

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Per giungere ad una soluzione è necessaria una operazione di “Sartoria politico-istituzionale", per individuare 400 mila euro utili a proseguire fino alla fine dell’anno.

Risponde così  ai timori di chi ha paura che le linee di trasporto locale aggiuntive per Viggiano o quelle per il Crob di Rionero e l’aeroporto di Palese, tra poche ore vengano cancellate.

Il presidente della Provincia, Franco Stella spiega: «Su questo tema avevo già coinvolto circa dieci giorni fa, il direttore  generale della Regione, Marsico. L’1 luglio scorso avevo autorizzato un periodo temporaneo di proroga di questi trasporti, per non creare danno alla comunità. Domani (oggi per chi legge, ndr.) ho convocato una seduta di giunta che, al primo punto, discuterà l’eventuale proroga di servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale che comprende quella per il Crob e  quella per Viggiano avviata su mia iniziativa dopo aver parlato con i lavoratori e per evitare che si viaggiasse su auto private».

Nel frattempo, le Province vivono una situazione di particolare difficoltà, aggiunge Stella: «Secondo il decreto 90, il nostro mandato scadrebbe il 28 settembre. La discussione alla Camera potrebbe condurre ad un rinvio al 15 o 31 ottobre. C’è confusione totale su ciò che dobbiamo fare. Questi servizi sono oneri a nostro carico e noi non ci siamo mai sottratti come dimostrano le ricadute positive sia in ambito turistico che sociale e parlo delle categorie più in difficoltà,  costrette loro malgrado a recarsi al Crob di Rionero».

Pur in una situazione di questo genere, Stella assicura l’attenzione dell’ente.

«Non faremo  mancare il nostro  impegno ma sottolineo che per far proseguir questo servizio, servirebbero 400 mila euro in più; somme che in un bilancio asfittico sarebbero moltissimi, ma cercheremo di tagliare, cucire affinchè queste somme fra le nostre disponibilità e quelle della Regione possano essere individuate».

a.ciervo@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?