Salta al contenuto principale

Nove milioni per l’aeroporto di Pontecagnano
La Basilicata “espatria”

Basilicata

Tempo di lettura: 
4 minuti 20 secondi

POTENZA - La Regione Basilicata va avanti con l’impegno sull’aeroporto di Pontecagnano Salerno. Fissati i paletti dalla giunta regionale che ha approvato lo schema di un protocollo d’intesa.
Il prossimo passaggio è la firma dell’accordo che il presidente della Regione Marcello Pittella firmerà con i rappresentati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, della Regione Campania e del Consorzio dell’aeroporto di Pontecagnano - Salerno. Emersi anche alcuni dettagli dell’operazione: confermato l’acquisto di azioni del consorzio pari a 20 mila euro come già previsto nell’Assestamento di bilancio regionale approvato dal Consiglio lo scorso agosto.
E’ già polemica però. Non per i 20 mila euro, ma per le parole che il dirigente generale del Dipartimento Programmazione e Finanze della Regione, Elio Manti ha rilasciato nell’audizione della Terza Commissione consiliare. Manti illustrando il progetto ha spiegato che è previsto un finanziamento di 23 milioni della Regione Campania ed un finanziamento di 9 milioni di euro della Regione Basilicata, «a valere sul programma dei fondi europei 2014 - 2020 e quindi da confermare dopo la definizione dell’accordo con l’Unione europea».
La questione però ha già scatenato reazioni e polemiche. I primi a reagire sono stati gli esponenti di Sinistra ecologia e libertà del Materano che difendendo la “Pista Mattei” di Pisticci hanno dichiarato: «Ci sarebbe da cominciare a pensare che il governo regionale sia particolarmente impegnato ad un disinteresse programmato circa il presente e il futuro delle nostre comunità. La notizia in cui si annuncia, da parte della Regione Basilicata, la sottoscrizione di quote del Consorzio aeroporto di Salerno Pontecagnano per 9 milioni di euro appare come un vero e proprio schiaffo in faccia non solo alle difficoltà finanziarie denunciate dalla stessa Regione, ma anche a quante e quanti in queste ultime settimane (primo fra questi il Comune di Pisticci) hanno sollecitato lo stesso ente regionale a potenziare e candidare ad “aeroporto regionale” l’aviosuperficie Mattei di Pisticci».
Sulla stessa linea anche il commento della consigliera provinciale di Matera di Centro democratico, Rossana Florio: «L’accelerazione impressa alla sottoscrizione di quote del Consorzio aeroporto di Salerno da parte della Giunta regionale non tiene conto della posizione espressa da numerosi Comuni del Metapontino a sostegno della proposta del comune di Pisticci che ha nuovamente chiesto alla Regione il potenziamento e la candidatura ad aeroporto regionale dell’aviosuperficie Mattei di Pisticci Scalo e di conseguenza lo snellimento dell’iter procedurale».
La Florio aggiunge: «Dare il via libera al finanziamento di 9 milioni di euro che la Regione Basilicata prenota dai fondi comunitari inoltre disattende quanto disposto dalla legge regionale di Assestamento di bilancio sulla contemporaneità dei provvedimenti da approvare per dotare la Basilicata di un sistema aereoportuale integrato a servizio del territorio regionale. Non è giustificabile pertanto la “pista preferenziale” scelta per l’aeroporto di Salerno».
Si iscrive alla polemica anche il consigliere regionale di Fratelli d’Italia. Gianni Rosa: «Era già tutto deciso. Pittella aveva già deciso tutto ben prima che la norma spuntasse nell’assestamento di bilancio. Era agosto, avevamo chiesto spiegazioni sui 20 mila euro di investimenti nell’aeroporto campano. Avevamo chiesto approfondimenti. In fondo Pontecagnano non Capodichino. Anzi è in deficit e ha un’utenza che non raggiunge un paio di centinaia di passeggeri a settimana. Il governatore ci aveva risposto che quei 20 mila euro servivano solo ad aprire, diciamo così, il discorso. Discorso che sarebbe stato approfondito insieme al Consiglio ed alle Commissioni». E Rosa aggiunge: «Ora scopriamo, invece, che quei 20 mila euro non erano i primi soldi sottratti ad infrastrutture lucane che finivano nell’aeroporto campano. Già il 3 luglio, la Regione aveva inviato una comunicazione al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per candidare il ‘Progetto aeroporto di Salerno Pontecagnano” a valere sulle risorse Pon Infrastrutture e Reti 2014 - 2020 per un importo di milioni di euro».
Per il consigliere regionale di Fratelli d’Italia quindi, è stato «preso in giro il Consiglio e presi in giro i lucani». Rosa quindi si appella al presidente del consiglio regionale, Piero Lacorazza affinchè «intervenga a ristabilire l’equilibrio tra le istituzioni regionali con l’unico fine di evitare che il Consiglio venga ridotto, dalle scelte autoritarie del governatore, ad un organo privo di poteri decisionali».
Questo per le polemiche. Ma c’è dell’altro in termini di dettagli sul protocollo approvato dalla giunta. Dall’ufficio comunicazione della Regione hanno infatti spiegato che «la sottoscrizione di quote del Consorzio Aeroporto di Salerno Pontecagnano da parte della Regione Basilicata non comporterà la possibilità che la Regione debba farsi carico delle perdite accumulate dall’attuale gestione del Consorzio. Lo stesso è obbligato ad azzerare le perdite, prima di ricostituire il capitale sociale e prima dell’ingresso della Regione Basilicata e della Regione Campania nella compagine societaria. La Regione Basilicata sarà inoltre esentata dal dover sostenere eventuali disavanzi futuri».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?