Salta al contenuto principale

La polemica sull'articolo sul Foglio
Lacorazza: «L'insulto è di moda»

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

Una delle «mode» del momento «è quella dell’insulto, principalmente a sfondo etnico-razziale: così, non ci sorprendiamo più quando nelle piazze (virtuali e non) e in molti stadi vediamo scritte ed insulti di ogni tipo».

Così il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Piero Lacorazza (Pd), su Facebook, in riferimento a un articolo pubblicato «sulle pagine del "Foglio", dove una non meglio precisata fonte Eni - secondo Lacorazza - avrebbe riferito che "a causa dell’estremismo ecologista l’Eni potrebbe anche andarsene dalla Basilicata cosicché, dove Rocco Scotellaro celebrava l’uva puttanella, ornerebbero finalmente i pecorai e i morti di fame"».

Per il presidente dell’assemblea lucana «francamente non si capisce il riferimento ai pecorai. Voleva essere un insulto? Non è riuscito molto bene, allora», e rivolge un «avviso ai naviganti: se volete parlare di cose serie, di petrolio, ambiente e salute, facciamolo. Ce n'è bisogno e credo che, al di là delle differenti "visioni" e delle trasmissioni televisive, dei dati più o meno giusti e delle opinioni di tutti, le istituzioni debbano ascoltare e rendere conto del proprio operato. Sempre. Ma per favore lasciamo stare i pecorai, i morti di fame e un passato che forse, anche quando - ha concluso
Lacorazza - viene evocato scomodando i poeti della cultura contadina, si dimostra di non conoscere poi tanto bene». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?