Salta al contenuto principale

Frane senza sosta in Calabria
L'Alto Jonio zona con tante criticità

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

ORIOLO (CS) – Sono giorni di continua allerta per la Calabria per quanto riguarda il dissesto idrogeologico, soprattutto alla luce dei danni che si sono verificati sulle arterie stradali (GUARDA le foto). Tra le zone più colpite dai disagi c'è sicuramente l'alto Jonio cosentino e la zona del Comune di Oriolo. Qui il movimento franoso che parte da contrada “Croce – Cappuccini” continua inesorabile la sua marcia verso valle. Lo scrive Franco Maurella sul Quotidiano del Sud di oggi. Il sindaco Giorgio Bonamassa ha disposto la chiusura “fino a nuove disposizioni” dei tre padiglioni della scuola media e dell’Istituto professionale per il Commercio e poi l’evacuazione di una palazzina ed una villetta minacciate ormai da vicino dal movimento franoso. Una situazione incresciosa anche perché il fossato scavato ai piedi della frana con la speranza che riuscisse a fermarne la discesa a valle, pare sia fallito.

Se il movimento franoso continuasse c'è il rischio di sgretolare ogni struttura edile che si trova lungo il suo percorso. Così come accade sull’altro fronte di frana, quello di contrada Santa Marina, dove ci sono 35 famiglie isolate ed alcune che sono state fatte evacuare. Sul posto operano, ormai da giorni, i Vigili del Fuoco di Castrovillari e Trebisacce, la Protezione civile regionale, gli uomini della Forestale ed i carabinieri insieme a tante associazioni di volontariato per portare sollievo alla gente che vive una grave situazione di disagio.

Lo smottamento, determinato dalle intense piogge di questi giorni, ha interessato anche la viabilità extraurbana coinvolgendo un lungo tratto della provinciale 156 che collega Oriolo con la Lucania e un tratto della statale 481 che collega Oriolo con Cersosimo (Pz).

Il rammarico aumenta perchè sui fondi stanziati per il dissesto, in tutta la Regione, ci sono notevoli ritardi nella spesa (LEGGI) e a poco servono le parole del vice ministro Nencini che qualche giorno fa a Cosenza (LEGGI) aveva dichiarato apertamente che in Calabria la vera emergenza è proprio il dissesto idrogeologico

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?