Salta al contenuto principale

Oliverio annuncia interventi per gli ospedali di montagna
«Servono strutture che siano adeguate al pronto intervento»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

CATANZARO - Un incontro teso ad affrontare il problema dell'ospedale di Soveria Mannelli si è trasformato in una occasione per annunciare da parte del presidente della giunta regionale Mario Oliverio «la volontà di procedere, nell’ambito della riorganizzazione dei servizi territoriali e della rivisitazione del piano della rete ospedaliera, a definire un ruolo anche per le strutture ospedaliere di montagna, attraverso la definizione di un modello di ospedale che risponda alle particolari condizioni di perifericità dei territori montani che richiedono strutture ospedaliere adeguate a prestare servizi di pronto intervento e di cura di patologie incidenti nelle comunità locali». 

Oliverio ha dato l'annuncio nell'ambito dell'incontro avuto con il sindaco di Soveria Mannelli, Giuseppe Pascuzzi a cui hano partecipato anche il presidente del Consiglio regionale Antonio Scalzo ed il vicesindaco della cittadina, Filippo Garofalo. Oggetto dell’incontro, chiesto dallo stesso sindaco, la prospettiva della struttura ospedaliera di Soveria Mannelli e dei servizi sanitari. 

Riguardo la volontà di rivedere la strutturazione della rete ospedaliera il presidente ha annunciato di aver «già concordato con il Commissario alla Sanità Massimo Scura la necessità di rivedere il piano della rete ospedaliera anche al fine di affrontare le problematiche relative ai quattro ospedali di zona montana di Soveria Mannelli, Acri, San Giovanni in Fiore e Serra San Bruno che, per una assurda gestione burocratica e contabilistica del piano di rientro, nel corso di questi anni sono stati svuotati e depotenziati nei servizi essenziali mentre le popolazioni della zona montana sono state private persino dei livelli essenziali di assistenza. I servizi sanitari devono essere riqualificati partendo dalla primaria esigenza di tutela e cura della salute dei cittadini che vivono nei territori non dimenticando che una parte della popolazione calabrese vive nelle zone collinari e montane e non può essere tenuta in una condizione da terzo mondo». 

Riguardo la fattibilità dell'operazione, poi, Oliverio ha chiarito che «nei prossimi giorni sia io che il Commissario Scura avremo modo di visitare queste strutture ospedaliere per definire una proposta di riorganizzazione dei servizi da assumere nella riprogrammazione regionale. La stessa cosa sarà fatta per gli ospedali di confine». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?