Salta al contenuto principale

Nuova fiammata al Centro Oli
Mezz’ora di paura in Val d’Agri:

Basilicata

Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

VAL D’AGRI - Ancora fiamme alte e ancora fumo nero a turbare la tranquillità degli abitanti della Val d’Agri. Ieri, intorno alle 13, i residenti della zona del Centro Oli hanno visto nuovamente la fiaccola dell’impianto superare di metri la normale altezza e l’evento è andato avanti per circa mezz’ora. A recarsi subito sul posto - come racconta alla redazione del Quotidiano - il sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala. Secondo quanto riferisce, Eni avrebbe spiegato che l’anomalia, questa volta, sarebbe stata determinata da un blocco alla rete Snam del gas, e non avrebbe comportato particolari problemi. Il primo cittadino ha comunque chiesto alla compagnia del cane a sei zampe, una relazione approfondita, per oggi, su quanto accaduto. Ma, anche questa volta, la paura per quanti sono rimasti a guardare senza capire cosa stesse accadendo, e soprattutto per quali ragioni, è stata tanta. A differenza di precedenti episodi, però, pare che ieri mattina la fiammata non sia stata accompagnata dal tipico cattivo odore di uova marce.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?