Salta al contenuto principale

«Nessun pentito tra i Giampà»
La difesa della famiglia del padrino

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 14 secondi

LAMEZIA TERME - «Nessun pentito nella famiglia Giampà». A precisarlo al Quotidiano della Calabria la stessa famiglia dopo alcune indiscrezioni secondo le quali Giuseppe Giampà, figlio di Francesco Giampà, ritenuto il capo storico della cosca, avrebbe manifestato la decisione di collaborare con la giustizia. Ma dalla famiglia arriva la smentita a tali indiscrezioni: «Della famiglia Giampà composta da Francesco Giampà, Pasqualina Bonaddio, Giuseppe Giampà, Vanessa e Rosa Giampà non si è pentito nessuno». Alcuni indizi su queste indiscrezioni, erano emersi nel momento in cui moglie, figli e familiari della moglie di Giuseppe Giampà, (Franca Teresa Meliadò agli arresti domiciliari in quanto anche lei coinvolta nell’operazone Medusa) da alcuni giorni avrebbero lasciato la città per una località segreta. E in merito al trasferimento di moglie e figli di Giuseppe Giampà, la stessa famiglia Giampà precisa anche che «se la moglie ed i suoi familiari si sono allontanati è perché è stata una loro esclusiva scelta di vita». Questa dunque la precisazione da parte della famiglia Giampà i cui legali a tal proposito non hanno ricevuto alcuna comunicazione ufficiale, mentre da parte degli inquirenti non c’è stata nessuna conferma o smentita in merito ad altre ipotesi di collaborazioni con la giustizia da parte di boss ed affiliati al clan colpiti dall’operazione Medusa grazie alle determinanti dichiarazioni di undici collaboratori di giustizia.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?