Salta al contenuto principale

Palmi, sequestro immobile Gallico
Struttura costruita su terreno estorto

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 23 secondi

PALMI  (RC) - Prima hanno estorto il terreno ai legittimi proprietari attentando alla vita di due possibili acquirenti e poi hanno costretto un imprenditore a costruire a sue spese il palazzo diventato la basa logistica della cosca Gallico di Palmi e divenuto simbolo materiale del loro potere. A raccontare la genesi dell’edificio sequestrato oggi dalla polizia, è uno dei boss della cosca, Giuseppe Gallico, di 57 anni, già condannato definitivamente all’ergastolo nel 1994, parlando con la moglie Maria Carmela Susace, la figlia Italia Antonella Gallico e il genero Vincenzo Barone. Il colloquio, intercettato nel carcere di Secondigliano (Napoli) nell’ottobre 2007, è agli atti dell’inchiesta «Cosa Mia» coordinata dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria Michele Prestipino e dal pm Sara Ombra che nel 2010 ha portato all’arresto di numerosi affiliati alla cosca dei Gallico - Morgante – Sgrò – Sciglitano di Palmi e quelle contrapposte dei Bruzzise-Parrello operanti nella frazione di Barritteri di Seminara, protagoniste di una faida tra il 2004 ed il 2008. Agli indagati, tra l’altro, veniva contestata l’infiltrazione negli appalti per l’ammodernamento dell’autostrada A3 tra gli svincoli di Gioia Tauro e Scilla, con la pretesa del pagamento di una tangente del 3% dell’importo fissato nel capitolato d’appalto alle ditte appaltatrici, la cosiddetta «tassa ambientale».   Giuseppe Gallico, ai familiari ha raccontato come, negli anni 1979 – 80, mediante l’uso della violenza e della prevaricazione tipica mafiosa, si era impadronito prima del terreno e poi della palazzina in cui la famiglia Gallico ancora oggi risulta risiedere. L’uomo ha riferito che il terreno, era di fatto amministrato da un avvocato al quale era giunta una proposta di acquisto. Ciò aveva scatenato le ire della famiglia Gallico. Giuseppe Gallico ha raccontato che con la complicità dei suoi fratelli Domenico (54) ed Alfonso (55), aveva organizzato un attentato nei confronti del possibile acquirente e della sorella. L’attentato, non mortale, aveva indotto il legale a trasferire ai Gallico la proprietà senza alcun compenso. Successivamente, sempre secondo quanto ha raccontato Gallico ai familiari, Gallico ha imposto ad un altro avvocato il pagamento di alcune somme di denaro, costringendo il cognato del legale a non accedere più ad una villa di sua proprietà realizzata su un terreno vicino a quello dei Gallico. Solo dopo un anno e mezzo, mediante l’intercessione del legale, Gallico «aveva concesso» al proprietario della villa «l'autorizzazione» a rientrare nella sua proprietà a patto che si accollasse in toto le spese per la costruzione del palazzo.   Le indagini condotte dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dal Commissariato di Palmi hanno anche evidenziato la sproporzione tra i redditi percepiti da Giuseppe Gallico e dalla sua famiglia ed i costi di costruzione dell’immobile.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?