Salta al contenuto principale

Auto travolta dal treno, cordoglio Napolitano
e delle istituzioni calabresi

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

COSENZA - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si mantiene in costante contatto col prefetto di Cosenza, Raffaele Cannizzaro, per avere aggiornamenti sull'incidente a Rossano che ha provocato la morte dei sei braccianti agricoli stranieri. A riferirlo è stato il prefetto Cannizzaro. «Il Capo dello Stato – ha detto Cannizzaro – mi ha incaricato di esprimere il suo cordoglio per questa tragedia, dicendosi profondamente colpito». 

 L'assessore ai Trasporti della Regione Calabria, Luigi Fedele, in una nota, esprime «il più profondo cordoglio per la tragica scomparsa dei sei lavoratori che viaggiavano a bordo dell’auto travolta da un treno delle Ferrovie dello Stato nella zona di Rossano». «Aspettiamo di conoscere nei dettagli – aggiunge – la dinamica del drammatico incidente e confidiamo nell’attività dell’autorità giudiziaria, auspicando che venga fatta piena luce sulla terribile vicenda, affinchè si possa fugare ogni dubbio ed accertare le eventuali responsabilità». 
«Siamo di fronte ad una tristissima tragedia che addolora tutta la comunità di Rossano e calabrese». Lo afferma il sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, che si sta recando sul luogo dell’incidente. «La morte di sei lavoratori – aggiunge – rappresenta oggettivamente una pagina di dolore dalla quale nessuno di noi riesce a sottrarsi. Ci auguriamo nelle prossime ore di poter avere maggiori e più complete informazioni, tali da permetterci una comprensione più chiara dell’accaduto. Non è questo il momento di commenti e valutazioni. Adesso serve soltanto dimostrare rispetto per le vittime attestando la massima vicinanza e solidarietà alle famiglie che sono state improvvisamente private dei loro cari e dei loro affetti». «Non posso esimermi dal confessare – prosegue Antoniotti - che questa tragedia è ancora più grave perchè coinvolge concittadini di nazionalità romena ospiti della nostra comunità per ragioni di lavoro e di sussistenza economica. All’intera comunità rumena, serenamente integrata nella nostra società, giunga la solidarietà di tutta la cittadina di Rossano».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?