Salta al contenuto principale

Fuga dal carcere di Avellino, i tre evasi
arrestati in una casa al mare nel cosentino

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

COSENZA - Sono stati arrestati stamani in località Bruscate di Cassano all’Jonio, nel Cosentino, i tre detenuti evasi ieri dal carcere di Bellizzi Irpino, nell’Avellinese, e rimasti a piede libero dopo il fermo di uno di loro, già poco dopo la fuga, a Potenza. Si tratta di Cristiano Valanzano, Salvatore Castiglione e Fabio Pignataro.
I tre, secondo quanto emerge, sono stati intercettati dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza mentre stavano raggiungendo la stazione ferroviaria di Sibari, nel comune di Cassano allo Jonio. Valanzano è stato bloccato subito dai militari, mentre gli altri due sono stati presi poco dopo a conclusione di una pressante caccia all’uomo attuata dai carabinieri con un massiccio impiego di uomini e mezzi.
I tre avevano rubato un’auto a Potenza, dopo avere raggiunto non si sa come il capoluogo lucano, abbandonata poi lungo la statale 106 jonica. Dopo avere lasciato l’auto hanno tentato di raggiungere la stazione Fs di Sibari, ma sono stati individuati dai carabinieri, che hanno bloccato subito Cristiano Valanzano e, successivamente, gli altri due a Cassano allo Jonio, mentre erano nascosti in un canalone, in una zona di campagna. Castiglione, nativo di Crotone, è stato condannato per l'omicidio di un commerciante agricolo di Melicucco.
Intanto, la Procura della Repubblica di Avellino ha iscritto nel registro degli indagati cinque persone responsabili, a vario titolo, dell’organizzazione e dello svolgimento del servizio di sorveglianza all’interno del carcere di Bellizzi Irpino (Avellino) dal quale ieri mattina sono evasi quattro detenuti, ripresi fra ieri e oggi in Basilicata e Calabria. L’iscrizione sarebbe stata fatta quale atto dovuto e riguarda personale della Polizia penitenziaria e dirigenti del carcere. I reati ipotizzati sono connessi a eventuali carenze e lacune nei sistemi e nelle operazione di sorveglianza del carcere e dei detenuti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?