Salta al contenuto principale

Faida del vibonese, tre arresti dei carabinieri
per l'omicidio del boss di Piscopio

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

VIBO VALENTIA - Tre persone sono state arrestate dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Vibo Valentia per il tentato omicidio ed il successivo omicidio di Francesco Scrugli. Quest’ultimo era ritenuto a capo della "società" di Piscopio coinvolta nella faida con i Patania sostenuti dalla cosca Mancuso di Limbadi. Tra gli arrestati ci sono il capo dell’ala militare dei Mancuso e due incensurati che avrebbero fornito supporto logistico agli autori materiali. 

Le ordinanze riguardano Pantaleone Mancuso, 52 anni, di Limbadi (Vv); Giovambattista Bartalotta, 34 anni, di Stefanaconi (Vv), Rosalino Pititto, 30 anni, di Stefanaconi. Una quarta persona, Manuel Callà, 27 anni, di Nicotera (Vv), è latitante. Pantaleone Mancuso era già detenuto in seguito all’emissione di un decreto di fermo a suo carico. I fatti loro contestati sono l’omicidio di Francesco Scrugli ed i tentati omicidi di Raffaele Moscato e Saverio Battaglia, avvenuti il 21 marzo 2012 a Vibo Matrina. I tre erano insieme quando Scrugli fu ucciso a colpi d’rma da fuoco e gli altri due rimasero feriti. L’altra contestazione riguarda il tentto omicidio di Francesco Scrugli avvenuto l’11 febbraio 2012 a Vibo Valentia, a pochi passi dagli uffici della Questura.

IL PARTICOLARE. Un software da applicare sul telefono cellulare per monitorare gli spostamenti delle persone da uccidere. È questo il particolare che emerge dalle indagini dei carabinieri. Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, e dal sostituto Simona Rossi, hanno portato a scoprire che Bartalotta aveva acquistato online un software che aveva applicato sul suo telefono cellulare grazie al quale riusciva a controllare gli spostamenti delle vittime della faida. Bartalotta è accusato di aver sostenuto la faida tra la cosca dei Patania di Stefanaconi e quella dei Piscopisani. È accusato inoltre di concorso nell’omicidio di Francesco Scrugli e nel tentato omicidio di Rosario Battaglia e Raffaele Moscato, avvenuti a Vibo Marina il 21 marzo del 2012. Pantaleone Mancuso detto “Scarpuni", 52 anni di Nicotera, è ritenuto il regista occulto della faida tra Stefanaconi e Piscopio. Accusato di concorso in un primo tentativo di omicidio ai danni di Francesco Scrugli, avvenuto l’11 febbraio del 2012, è invece Rosalino Pititto, 30 anni di Stefanaconi, che avrebbe procurato le fotografie delle vittime che poi vennero fornite ai killer. Nell’ambito dell’operazione compiuta stamane, chiamata 'Dietro le quinte 2', è attualmente ricercato un giovane di 27 anni di Nicotera ritenuto il faccendiere del boss Mancuso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?