Salta al contenuto principale

Resta in carcere boss di Limbadi
Respinta istanza Pantaleone Mancuso

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 40 secondi

VIBO VALENTIA - Resta in carcere Pantaleone Mancuso, 66 anni, di Limbadi, in provincia di Vibo Valentia, ritenuto uno dei capi dell’omonimo clan della 'ndrangheta. Il Tribunale del Riesame ha, infatti, rigettato l’istanza di scarcerazione presentata dagli avvocati Francesco Stilo e Leopoldo Marchese dopo l’arresto avvenuto il 7 marzo scorso nell’ambito dell’operazione antimafia «Black money». 

L’accusa principale che regge al vaglio del Riesame è quella di associazione mafiosa. Pantaleone Mancuso, detto «Vetrinetta», insieme ai fratelli Giovanni ed Antonio, è accusato di aver diretto un «organismo centrale gerarchicamente sovraordinato rispetto a più rami operativi autonomi» del potente clan di Limbadi, assumendo i tre Mancuso le qualità di «organizzatori, capi e promotori dell’intera organizzazione criminale».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?