Salta al contenuto principale

Un pool di magistrati indaga su scomparsa del "Nano"
La Procura di Catanzaro sulle tracce di Lo Giudice

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

CATANZARO - Un pool di magistrati coordinati dal procuratore della Dda di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo e dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, indaga sulla vicenda di Antonino Lo Giudice, il pentito della 'ndrangheta scomparso il 5 giugno scorso dalla località protetta dove si trovava agli arresti domiciliari. I magistrati della Dda di Catanzaro stanno lavorando a ritmo serrato e sulle attività in corso viene mantenuto il massimo riserbo. Lo Giudice al momento dell’allontanamento dalla località protetta ha fatto recapitare a due avvocati reggini un memoriale nel quale ritratta tutte le sue dichiarazioni sostenendo che la sua collaborazione con la giustizia è stata decisa dopo aver subito pressioni da alcuni magistrati di Reggio Calabria. 

Sulle vicende collegate all’allontanamento di Lo Giudice indaga anche la Procura di Perugia. Proprio ieri i giudici della Corte d’appello di Catanzaro hanno confermato la condanna di primo grado per Lo Giudice a 6 anni e 4 mesi per la stagione delle bombe e le intimidazioni ai magistrati reggini del 2010. Se per la sentenza d’appello non sarà presentato ricorso in Cassazione la condanna diventerà definitiva.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?