Salta al contenuto principale

«Due comuni senza depuratori nel cosentino»
Scandali tra by-pass e liquami nei fiumi

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

ROSSANO (Cosenza) - "Ci sono due comuni che non hanno gli impianti di collettamento delle fogne verso i nuovi depuratori". Lo ha detto all’Agi Eugenio Facciolla, procuratore capo di Rossano (CS), in riferimento al sequestro di 12 depuratori effettuato oggi dal Corpo forestale dello Stato e dalla Capitaneria di Porto di Corigliano Calabro lungo la fascia ionica cosentina. 

"Si tratta di Campana - ha spiegato il magistrato - che avrebbe un vecchio depuratore ormai abbandonato e non ha pochi metri di condutture che consentirebbero di collegare il nuovo, per cui i reflui vanno in un torrente, e di Bocchigliero, dove è stato costruito un vero bypass, prima del depuratore, che getta i reflui nelle acque di un fiume. E’ incredibile che nel 2013 ancora non si riesca a salvaguardare l’ambiente - conclude il magistrato - e per questo servono i presidi della giustizia sul territorio".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?