Salta al contenuto principale

Un’altra giovane vita spezzata
Incidente allo svincolo di Buccino

Basilicata

Tempo di lettura: 
5 minuti 18 secondi

 

VIETRI DI POTENZA – Ancora una vittima della strada. Vito Poeta aveva 19 anni. Il suo cuore ha smesso di battere nella notte tra domenica e lunedì, qualche minuto dopo le 3, sulla strada statale 19 ter di Buccino (Sa), all’altezza dell’incrocio per Vietri di Potenza. 
In gravi condizioni altri tre ragazzi, tutti giovanissimi. Un tragico incidente, raccapricciante la scena che i soccorritori hanno trovato davanti ai loro occhi: Vito ha perso la vita restando incastrato tra le lamiere dell’auto, un’Audi A6. Non era alla guida dell’Audi. 
Guidava un suo amico, Emanuele Trimarco. Anche lui di Buccino, 20 anni. E sono proprio le sue condizioni quelle più gravi che destano preoccupazioni: è ricoverato in rianimazione. Ma sia per lui, che per gli altri due ragazzi che erano nell’auto (ricoverati in chirurgia), la prognosi è riservata è lo sarà per quindici giorni. 
Le cause sono ancora da accertare, e su questo stanno lavorando i Carabinieri della Compagnia di Eboli, unitamente a quelli della compagnia di Buccino, intervenuti nella notte sul posto. Stando alle prime indiscrezioni, pare l’auto abbia perso il controllo, invadendo la corsia opposta e andando a finire in un vicino campo, nei pressi di un canale di scolo, proprio all’altezza dell’incrocio che può portare a Vietri di Potenza o continuare diritto, per proseguire in direzione Buccino o per l’autostrada. 
Ed è proprio in direzione Buccino che i quattro si stavano dirigendo, dopo una domenica sera tra amici, molto presumibilmente in un paese del Vallo di Diano. Una comunità, quella di Buccino, sotto shock per la scomparsa del giovanissimo Vito. 
Lui, amato da tutti in paese, lavorava in un’azienda nella zona industriale, alla Intomalte (intonaci e malte premiscelate). Lì lavora anche il padre di Vito. La macchina si è ridotta a un cumulo di lamiere. Quelle lamiere contorte che hanno spezzato a soli 19 anni la vita del giovanissimo ragazzo di Buccino, Vito, che aveva anche una passione per le moto. 
Gli altri tre ragazzi, tutti ventenni, sono ricoverati all’ospedale di Polla, e si spera che almeno le loro condizioni possano migliorare al più presto. 
Nella notte tra domenica e lunedì sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Buccino ed Eboli, i Vigili del Fuoco di Sala Consilina e diverse ambulanze dell’ospedale di Polla. Le prime indiscrezioni parlano anche di alcune frenate trovate durante i rilievi dei carabinieri sul manto stradale. Probabile chi era alla guida ha perso il controllo dell’auto, che ha concluso la sua corsa nella parte opposta della strada, in un canale di scolo. 
Vito ha lasciato i suoi genitori, un fratello di 21 anni e una sorella di 15. La sua bacheca facebook è stata riempita di messaggi. Da sempre definito come un ragazzo rispettoso per cose e persone, con una gran voglia di fare ed organizzare, con un volto simbolo della felicità e tenerezza, sempre sorridente. Quel sorriso che mancherà tanto alla sua famiglia e ai suoi amici, per un tragico incidente. 
Claudio Buono

VIETRI DI POTENZA – Ancora una vittima della strada. Vito Poeta aveva 19 anni. Il suo cuore ha smesso di battere nella notte tra domenica e lunedì, qualche minuto dopo le 3, sulla strada statale 19 ter di Buccino (Sa), all’altezza dell’incrocio per Vietri di Potenza. In gravi condizioni altri tre ragazzi, tutti giovanissimi. Un tragico incidente, raccapricciante la scena che i soccorritori hanno trovato davanti ai loro occhi: Vito ha perso la vita restando incastrato tra le lamiere dell’auto, un’Audi A6. Non era alla guida dell’Audi. Guidava un suo amico, Emanuele Trimarco. Anche lui di Buccino, 20 anni. 

 

E sono proprio le sue condizioni quelle più gravi che destano preoccupazioni: è ricoverato in rianimazione. Ma sia per lui, che per gli altri due ragazzi che erano nell’auto (ricoverati in chirurgia), la prognosi è riservata è lo sarà per quindici giorni. Le cause sono ancora da accertare, e su questo stanno lavorando i Carabinieri della Compagnia di Eboli, unitamente a quelli della compagnia di Buccino, intervenuti nella notte sul posto. 

Stando alle prime indiscrezioni, pare l’auto abbia perso il controllo, invadendo la corsia opposta e andando a finire in un vicino campo, nei pressi di un canale di scolo, proprio all’altezza dell’incrocio che può portare a Vietri di Potenza o continuare diritto, per proseguire in direzione Buccino o per l’autostrada. Ed è proprio in direzione Buccino che i quattro si stavano dirigendo, dopo una domenica sera tra amici, molto presumibilmente in un paese del Vallo di Diano. Una comunità, quella di Buccino, sotto shock per la scomparsa del giovanissimo Vito. Lui, amato da tutti in paese, lavorava in un’azienda nella zona industriale, alla Intomalte (intonaci e malte premiscelate). Lì lavora anche il padre di Vito. 

La macchina si è ridotta a un cumulo di lamiere. Quelle lamiere contorte che hanno spezzato a soli 19 anni la vita del giovanissimo ragazzo di Buccino, Vito, che aveva anche una passione per le moto. Gli altri tre ragazzi, tutti ventenni, sono ricoverati all’ospedale di Polla, e si spera che almeno le loro condizioni possano migliorare al più presto. Nella notte tra domenica e lunedì sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Buccino ed Eboli, i Vigili del Fuoco di Sala Consilina e diverse ambulanze dell’ospedale di Polla. Le prime indiscrezioni parlano anche di alcune frenate trovate durante i rilievi dei carabinieri sul manto stradale. Probabile chi era alla guida ha perso il controllo dell’auto, che ha concluso la sua corsa nella parte opposta della strada, in un canale di scolo. 

Vito ha lasciato i suoi genitori, un fratello di 21 anni e una sorella di 15. La sua bacheca facebook è stata riempita di messaggi. Da sempre definito come un ragazzo rispettoso per cose e persone, con una gran voglia di fare ed organizzare, con un volto simbolo della felicità e tenerezza, sempre sorridente. Quel sorriso che mancherà tanto alla sua famiglia e ai suoi amici, per un tragico incidente. Claudio Buono

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?