Salta al contenuto principale

Nuova tegola per i dipendenti di Infocontact
Poste Mobile chiudono la commessa con il call center

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

CATANZARO - Nuova tegola sui lavori di Infocontact, la società che opera nel settore del call center con sede a Lamezia Terme. Le organizzazioni sindacali hanno, infatti, reso noto che non è stata confermata la commessa di Poste Mobile. La società è già al centro di alcune difficoltà legate alla commessa della Wind, che nei giorni scorsi ha prorogato il servizio per altri quattro mesi (LEGGI), mentre a sostegno dei lavoratori era sceso in campo anche Fiorello (LEGGI).

Secondo le segreterie regionali e le Rsu di Slc, Fistel e Uilcom, «la notizia della mancata conferma della commessa outbound di Poste Mobile è un altro duro colpo per la risoluzione positiva della vertenza Infocontact. Il mancato rinnovo delle attività comunicata in maniera intempestiva da parte di Poste Mobile ai commissari straordinari di Infocontact porterà alla perdita di 30 posti di lavoro nell’immediato». 

I sindacati hanno evidenziato che «nel corso dell’incontro al Ministero per lo Sviluppo economico chiederemo al governo un intervento concreto affinchè cessi la fuga delle attività di Infocontact con la contestuale perdita di posti di lavoro». 

I sindacati invitano «le committenti anche delle commesse out a maggiore responsabilità. Il calo delle attività outbound di Telecom, Vodafone, Poste Mobile stanno portando alla cessazione ogni mese di decine e decine di contratti di collaborazione. Decine di lavoratori, già penalizzati dalla forma contrattuale precaria, che in questi giorni stanno perdendo il lavoro a causa della irresponsabilità delle committenti. La vertenza Infocontact riguarda 1800 lavoratori - conclude la nota - non vorremmo che alla fine della vertenza ci dovessimo ritrovare con centinaia di lavoratori precari già espulsi dal ciclo produttivo». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?