Salta al contenuto principale

La decisione di Lucia
una sconfitta per la società

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

 

L’UNIVERSITÀ è un’istituzione finalizzata alla ricerca scientifica, alla formazione culturale e al processo civile della società. E’ quello che leggo sullo Statuto, nuovo di zecca, della mia università. Ma adesso, che i riflettori si sono spenti, che i media si concentrano su altri fatti di cronaca, come se l’Italia si nutrisse solo di questo, torno a riflettere sulla vita spezzata di quella che molti hanno conosciuto solo con le iniziali del nome, perché così era identificata una giovane mamma che, a 28, anni ha deciso di lasciare questa vita. 

Lucia era un Ingegnere gestionale, che ho avuto il privilegio di incontrare, di sentire agli esami, di vedere durante il coronamento di uno dei suoi sogni, così elegante, nella toga nera, nel giorno della sua laurea. Che ho guardato negli occhi profondi quando nulla lasciava presagire che da lì a qualche mese avrebbe assunto una decisione grave e irreversibile, che l’ha portata così lontano da noi.

 

Oggi sento il bisogno di scrivere queste poche righe non solo perché, insieme ai colleghi del corso di laurea che presiedo, vorrei stringermi intorno alla famiglia per far sentire il nostro affetto, ma anche per interrogarmi sul senso di un gesto estremo che ha coinvolto una persona troppo vicina e speciale perché il ricordo possa lasciarci indifferenti. 

 

Invano ricerco nel vivido ricordo di quegli occhi profondi anche il minimo accenno di un futuro tanto ostile. E’ trascorso qualche giorno dalla decisione di Lucia. Anche il mio inguaribile ottimismo scricchiola di fronte alla verità della storia. L’atto di Lucia è una grande sconfitta per quella società che la mia università deve far progredire. 

 

Assorbito il colpo, ripreso il respiro, resta l’immenso senso di impotenza ma anche la rabbia e la volontà di impegnarsi ancor di più nello svolgere un lavoro che ci concede, ogni giorno, l’immeritato privilegio di vivere spalla a spalla con le generazioni future.

Luigi Filice

presidente del corso di studi 

in Ingegneria gestionale

Università della Calabria

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?