Salta al contenuto principale

Tagli alle indennità dei politici regionali
Ma un consigliere prende più di 11mila euro

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

REGGIO CALABRIA - Scopelliti e Talarico guadagneranno 13.800 euro lorde al mese. Un generico consigliere regionale ne prenderà 11.100. In mezzo, ci saranno altre sfumature di compenso, a seconda della qualifica e degli incarichi. Sono le cifre che emergono dai tagli legati alla spending review di Palazzo Campanella. Fino a oggi, infatti, le cifre erano più alte di almeno cinquemila euro. Una novità che potrebbe far recuperare circa 6 milioni di euro da assegnare alla copertura di quei capitoli di bilancio che evidenziano le maggiori sofferenze.

Al termine di una lunga conferenza dei capigruppo, che ha anticipato ed allo stesso tempo ritardato l’avvio dei lavori del consiglio regionale, le varie anime politiche presenti a Palazzo Campanella hanno dato il via libera alla sforbiciata che segue l’abolizione del vitalizio e del trattamento di fine mandato ai consiglieri regionali approvata di recente.

Il compenso che sarà applicato dall'1 gennaio 2013 prevede un'indennita di carica di base, uguale per tutti, di 5.100 euro lordi al netto delle spese per il personale. A questa si aggiunge, sempre uguale per tutti, un fondo spese di esercizio mandato da 6.000 euro. Si differenzia, invece, l'indennità di funzione: 2.700 euro a presidenti di giunta e di consiglio regionale; 2.000 a vice presidenti di giunta e consiglio e ad assessori; 1.500 euro a presidenti di commissione, a presidenti di gruppi consiliari e ai segretari questori del consiglio.

Ad ogni gruppo consiliare, inoltre, verrà destinato uno stanziamento di 100 mila euro, pari allo 0,05% per abitante. A carico del consiglio regionale, invece, rimarrà la copertura delle spese per il personale e le dotazioni strumentali e logistiche ad uso del presidente dei gruppi consiliari. La proposta dei capigruppo, infine, prevede l’istituzione di un collegio dei revisori dei conti che eserciterà un’azione di vigilanza sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione dell’ente.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?