Salta al contenuto principale

Per Scopelliti vertice romano a palazzo Grazioli
Parte il "Progetto Sud" per puntare al Senato

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 52 secondi

 

CATANZARO - Il nome c'è già: “Progetto Sud”, svelava ieri sera l'Adnkronos e in prima fila c’è il presidente e coordinatore del Pdl Giuseppe Scopelliti. Il progetto a cui sta lavorando in gran segreto Silvio Berlusconi per battare il Pd al Senato e giocarsi la partita alle Camere sembrerebbe a buon punto. L'idea è quella di fare una lista unica da presentare al Senato e alla Camera, alleata del Pdl, che ruoti attorno ai governatori Giuseppe Scopelliti (Calabria), Stefano Caldoro (Campania), Michele Jorio (Molise), Gianni Chiodi (Abruzzo) e alcuni big pidiellini come Raffaele Fitto in Puglia. Del progetto politico farebbero parte anche “Grande Sud” di Gianfranco Micciche' e forse la formazione autonoma di Raffaele Lombardo, Mpa-Pds, che garantirebbero in Sicilia un apporto consistente di voti ma in Calabria perderebbe definitivamente Agazio Loiero. Il raggruppamento, una sorta di “Grande alleanza sudista”, farebbe da contrappeso alla Lega Nord, con la quale Silvio Berlusconi dovrebbe chiudere a stretto giro un accordo elettorale in Lombardia e a livello nazionale. Questa mattina la prima riunione a Palazzo Grazioli a cui parteciperà anche Giuseppe Scopelliti. Della partita è anche Marcello Dell'Utri  che sarebbe il capolista in Sicilia, e forse anche il contestatissimo Nicola Cosentino in Campania. L'obiettivo del Cavaliere è quello di creare una situazione di ingovernabilità al Senato come quando al governo c'era Romano Prodi nel 2006. E siccome il Porcellum prevede l'assegnazione dei seggi di palazzo Madama su base regionale, ecco perchè sono stati mobilitati i governatori del Pdl. Scopelliti andrà a Palazzo Grazioli per capire la strategia elettorale e poi affidarla a qualcuno dei suoi in Calabria. Quasi sicuramente sarà della partita Alberto Sarra e tutti i consiglieri regionali della lista “Scopelliti Presidente”, (Giovanni Bilardi, Candeloro Imbalzano, Alfonsino Grillo, Salvatore Magarò e a Crotone Enzo Sculco). A Cosenza e Catanzaro ci sarebbero stato contatti anche con altri big politici, di rappresentati delle istituzioni in freddo con il centrosinistra. E poi ci potrebbe essere Michele Traversa che i big del Pdl catanzarese (escluso la Ferro) non vorrebbero più dopo la vicenda del comune di Catanzaro. Recenti sondaggi dicono che il Pdl in Calabria viaggia poco sotto il 30% con segnali di cedimento ma con questi numeri la partita al Senato sarebbe apertissima. Chi vince si porta a casa 6 seggi su 10. Per vincere l’idea è quella di candidare tutti i big provinciali da Aiello o Tallini a Catanzaro, Gentile a Cosenza, mentre a Reggio non si esclude la scesa in campo di Arena o qualche altro fedelissimo di Scopelliti. 
Intanto all’interno del Pdl ci sono malumori, un’eventuale candidatura di Scopelliti verrebbe vista con preoccupazione da parte dei consiglieri regionali perché sarebbe vedrebbero un tentativo di Scopelliti di mollare la regione con lo spettro del voto anticipato. E poi sulla rosa di candidature da sottoporre al partito nazionale ci sarebbero ritardi. Si temono candidature dall’alto, infatti ieri Angelino Alfano a Sky tg 24 ha detto che «solo i migliori saranno ricandidati» tutti gli altri a casa.    
E ribellarsi a Reggio è anche il consigliere regionale Gianni Nucera del movimento dei Popolari-Liberali della Calabria all’interno del Pdl. «La Calabria rischia ancora una volta di diventare terreno di conquista e colonia di aspiranti deputati e senatori che solo ora scoprono la nostra regione elencando problemi e soluzioni. Annunciano rimedi miracolosi ed immediati», avverte.  «Non è di queste persone che la Calabria ha bisogno - aggiunge – colonizzatori dell’ultima ora che solo in periodo preelettorale si interessano dei problemi del nostro territorio, salvo poi, votare, di conseguenza provvedimenti che, più in generale, hanno spesso penalizzato la nostra Regione». «Candidature sulle quali si è spesso consumato il finto baratto delle dimissioni, che avrebbero dovuto agevolare il rappresentante locale. Accordi non sempre rispettati».   «C'è da chiedersi, però, in questo articolato calcolo politico-elettorale – prosegue Nucera – quanto pesano i problemi della Calabria, del Mezzogiorno? Quanto è importante l'attenzione, il rilancio dell’economia di questa Regione, sempre più schiacciata all’indietro da politiche nazionali non sempre appropriate e conformi alla drammatica realtà del momento? Ed altrettanto importante risulta chiedersi a chi, finora, abbiamo affidato la rappresentanza del nostro territorio. Con candidature spesso di facciata, di personaggi che della Calabria, al di là delle lontane origini o di qualche illustre parentela, non conoscevano nulla.» In questo caso l’analisi di Nucera è calzante anche per il centrosinistra.

IL presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti è a Roma dove oggi pomeriggio (e non stamattina come era trapelato in precedenza) partecipa alla prima riunione di “Progetto Sud”, il progetto a cui sta lavorando in gran segreto Silvio Berlusconi per battare il Pd al Senato e giocarsi la partita alle Camere.  L'idea è a buon punto: si tratta di fare una lista unica da presentare al Senato e alla Camera, alleata del Pdl, che ruoti attorno ai governatori Giuseppe Scopelliti (Calabria), Stefano Caldoro (Campania), Michele Jorio (Molise), Gianni Chiodi (Abruzzo) e alcuni big pidiellini come Raffaele Fitto in Puglia. Del progetto politico farebbero parte anche “Grande Sud” di Gianfranco Micciche' e forse la formazione autonoma di Raffaele Lombardo, Mpa-Pds, che garantirebbero in Sicilia un apporto consistente di voti ma in Calabria perderebbe definitivamente Agazio Loiero. 

 

Scopelliti andrà a Palazzo Grazioli per capire la strategia elettorale e poi coinvolgere i suoi fedelissimi in Calabria, a partire da Alberto Sarra. Ma nei piani del governatore ci sono anche i boig del centrodestra e anche alcuni nomi di rilievo delle istituzioni calabresi in freddo col centrosinistra.

 

IL SERVIZIO INTEGRALE CON I NOMI DEI POSSIBILI CANDIDATI, SULL'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?