Salta al contenuto principale

Pd, Scalzo vola a Roma per incontrare Bersani
e riproporre i malumori di Catanzaro

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

Il caso Catanzaro, all'interno del Pd, non si placa, nè si poteva immaginare che bastasse a calmare gli animi la promessa di Alfredo D'Attorre di aprire una segreteria in città dopo le elezioni, nella speranza di essere accettato come candidato locale. Salvatoe Scalzo è volato a Roma per incontrare Pier Luigi Bersani. Al segretario l'aspirante sindaco sottoporrà le contestazioni già messe per iscritto insieme ai consiglieri regionali Piero Amato e Antonio Scalzo, al capogruppo provinciale Enzo Bruno e al coordinamento cittadino e ai segretari dei circoli cittadini. E cioè che 

Caro segretario,

i modi  di operare e irisultati cui è pervenuta la commissione elettorale nazionale per la  composizione delle liste del partito democratico in Calabria non sono piaciute a Catanzaro.

La città, è stato sottolineato «è chiamata ad una assai impegnativa scadenza elettorale per l'elezione del sindaco e del rinnovo del consiglio comunale» con il voto in otto seggi dopo l'annullamento per le irregolarità nei seggi. «Lasciare senza una rappresentanza adeguata -avevano sottolineato i dirigenti catanzaresi - per la quale avevamo avuto formali e ripetute rassicurazioni, un intero territorio, che ha peraltro dimostrato di saper intraprendere la via del rinnovamento in una situazione difficilissima ci pare una scelta sbagliata e inaccettabile».

La richiesta che Scalzo riproporrà a Bersani è di inserire nella lista del senato al 4/5 posto una candidatura catanzarese. Ma le speranze in questo senso non sono molte. E quindi sarà interessante capire con quale spirito si chiuderà l'incontro.

Redazione web

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?