Salta al contenuto principale

La "lezione" vincente dei grillini calabresi
«Senza soldi la politica torna a essere bella»

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 37 secondi

 

Cosenza, 26 feb – Il risultato elettorale esalta i grillini anche in Calabria, dove il Movimento 5 Stelle ha ottenuto percentuali in linea con il dato nazionale. «La gente di Calabria è riuscita a liberarsi da ataviche soggezioni» dice all’Agi Nicola Morra, neo senatore del Movimento 5 Stelle, insegnante di storia e filosofia. «E' un voto che per noi - aggiunge – sa di liberazione e di emancipazione. E speriamo di riuscire ulteriormente a convincere le persone con proposte ed iniziative. È il tempo giusto per cambiare marcia». (AGI)  CS1/Adv (Segue) 261245 FEB 13  (AGI) – Cosenza, 26 feb. – Franco Molinari, neo senatore del Movimento, avvocato di origini pugliesi, residente a Montalto Uffugo (CS), afferma: «Chiunque vorrà parlare di soluzioni dei problemi dei cittadini ci troverà vicini, disponibili e pronto a votare. Siamo aperti verso chiunque abbia a cuore l’interesse dell’Italia, degli italiani e dei calabresi».
Per Sebastiano Barbanti, giovane neo deputato del Movimento 5 Stelle, «ogni decisione sarà presa con la base, Grillo non ha mai comandato, non ha mai imposto nulla, sfatiamo questo mito. La campagna elettorale l’abbiamo pagata noi, grazie anche alle donazioni dei cittadini. In tutto, compreso le tappe di Grillo a Catanzaro e Reggio, abbiamo speso non più di 5000 euro. Tutto autofinanziato. La politica si può fare, senza soldi. E se togli i soldi dalla politica, la politica - conclude – diventa una cosa bella».

Cosenza, 26 feb – Il risultato elettorale esalta i grillini anche in Calabria, dove il Movimento 5 Stelle ha ottenuto percentuali in linea con il dato nazionale, ma soprattutto ha conquista il primato assoluto, davanti persino alle due coalizioni, nelle città di Cosenza, Catanzaro e Crotone, arrivando a sfiorarlo a Reggio. E nella corsa a Montecitorio, il M5S è diventato primo partito regionale. «La gente di Calabria è riuscita a liberarsi da ataviche soggezioni» dice all’Agi Nicola Morra, neo senatore del Movimento 5 Stelle, insegnante di storia e filosofia. «E' un voto che per noi - aggiunge – sa di liberazione e di emancipazione. E speriamo di riuscire ulteriormente a convincere le persone con proposte ed iniziative. È il tempo giusto per cambiare marcia». 

 

Franco Molinari, neo senatore del Movimento, avvocato di origini pugliesi, residente a Montalto Uffugo (CS), afferma: «Chiunque vorrà parlare di soluzioni dei problemi dei cittadini ci troverà vicini, disponibili e pronto a votare. Siamo aperti verso chiunque abbia a cuore l’interesse dell’Italia, degli italiani e dei calabresi». Per Sebastiano Barbanti, giovane neo deputato del Movimento 5 Stelle, «ogni decisione sarà presa con la base, Grillo non ha mai comandato, non ha mai imposto nulla, sfatiamo questo mito. La campagna elettorale l’abbiamo pagata noi, grazie anche alle donazioni dei cittadini. In tutto, compreso le tappe di Grillo a Catanzaro e Reggio, abbiamo speso non più di 5000 euro. Tutto autofinanziato. La politica si può fare, senza soldi. E se togli i soldi dalla politica, la politica - conclude – diventa una cosa bella».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?