Salta al contenuto principale

A Matera la campagna elettorale entra nel vivo
Sarà testa a testa Pd - Antezza

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 25 secondi

UN TESTA a testa non solo con gli avversari politici ma anche all’interno dello schieramento di centrosinistra. Il quadro che va maturando nel giorno dell’apertura ufficiale della campagna elettorale di Marcello Pittella a Matera non consegna alcun tipo di sorpresa. Questa sera alle 18 al Cinema Comunale l’appuntamento con il candidato presidente e le liste e i candidati del centrosinistra che lo sostengono. Ma in questo ambito l’avvio di campagna elettorale non manca di riservare già un’elevata competitività interna allo schieramento. Come conferma lo stesso segretario cittadino del Partito Democratico Cosimo Muscaridola che sottolinea come: «il Partito Democratico cercherà di lavorare per avere un ottimo risultato in provincia di Matera ed è altresì normale che tutte le altre liste di centrosinistra cercheranno di fare la stessa cosa e di affiancarlo, essendo dunque dalla stessa parte ma comunque nell’ambito di una competizion,e compresa la Lista del presidente Pittella.

Ovviamente chi lavora per la lista Pittella presidente non lavora direttamente per la lista del Pd» specifica Muscaridola dicendo una cosa che rientra nell’ordine del confronto politico tra le singole liste di un medesimo schieramento ma che lascia anche pensare che ci sia, già in atto,  una corsa decisa tra il Partito Democratico e la lista del Presidente vicina nella sua genesi e nella sua appartenenza politica a quella di Maria Antezza. E’ ovvio che qualsiasi tipo di contrapposizione viene esclusa in questo senso così come legami tra le vicende interne al Pd e questi voti della Lista del presidente. Ma che ci sia un confronto in atto e che ci sarà una corsa ad accapparrarsi la migliore posizione al sole è dato evidente ed assolutamente indiscutibile.

Quanto  poi all’esito che ci sarà e questo si potrà vedere solo con l’ingresso vero e proprio nella campagna elettorale.

Ieri intanto la direzione regionale, viste le candidature in corso del segretario provinciale Bellitti e del vicesegretario Lisanti, ha deciso di affidare congiuntamente a Vito Lupo e Francesco Bianchi componenti della segretario l’incarico di reggere in queste settimane il partito della provincia di Matera.

Nel frattempo i diversi candidati sul territorio stanno intensificando la propria azione a sostegno del candidato presidente Pittella e proprio sulla capacità di arrivare ad una compattezza generale delle diverse forze in campo si fonda un altro degli elementi dirimenti a favore del candidato presidente del centrosinistra Pittella.

Infine da segnalare che nel corso della giornata di ieri la prevista inagurazione della campagna elettorale materana di Cifarelli è stata rinviata vista la conconcomitanza con l’appuntamento politico di Achille Spada candidato nel listino. E forse anche una coesione più forte tra queste diverse anime del partito potrebbe venir fuori da questi piccoli e semplici gesti. Ma le interpretazioni lasceranno spazio ai fatti solo al momento del voto. Oggi intanto si vivrà il primo momento politico importante per il centrosinistra a Matera in questa campagna elettorale.

LA CANDIDATURA SPADA - Il Partito democratrico ritrova coesione e senso di appartenenza nella candidatura di Marcello Pittella: nella sala del teatro Piccolo Duni erano presenti il segretario cittadino Pd Muscaridola, il vicesegretario regionale LupO, il Sindaco della città Salvatore Adduce, l’assessore Trombetta, e la componente cattolica del partito col senatore Carlo Chiurazzi, e Achille Spada, presente nelle liste del centrosinistra per le elezioni regionali.

“Abbiamo saputo compiere una scelta in grado di dare strumenti ai nostri militanti per potere chiedere un voto per un partito che vuole rinnovarsi”, ha subito evidenziato Chiurazzi.

“La candidatura di Pittella risponde alla volontà di tutto il centrosinistra, nel quale la componente che guarda alla dottrina sociale della chiesa come suo faro ispiratore riesce a riconoscersi pienamente”.

Archiviato ogni distinguo, lo stato maggiore del partito ha guardato quindi alla possibile rappresentanza territoriale del materano: “Con le scelte fatte, abbiamo la possibilità di dare all’interno del Consiglio regionale la giusta rappresentanza a questa provincia”, ha evidenziato Adduce.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?