Salta al contenuto principale

Rinasce Forza Italia anche in Basilicata
"Proviamo a parlare anche ai delusi"

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 30 secondi

 

POTENZA, 7 DIC - La nuova Forza Italia rinasce anche in Basilicata, con una “struttura leggera” che raggruppa eletti, amministratori locali e simpatizzanti nei Club e nel coordinamento regionale, che segue lo scioglimento degli organi direttivi del Pdl lucano.
La nuova formazione politica è stata presentata stamani a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, a cui hanno partecipato i coordinatori provinciali uscenti del Pdl, Mariano Pici e Cosimo Latronico, e i neoeletti consiglieri regionali, Michele Napoli e Paolo Castelluccio.
Per il momento la nuova Forza Italia non ha una struttura gerarchica, con un coordinamento regionale composto da eletti e iscritti, a cui si aggiungeranno i Club sul territorio. Le indicazioni organizzative verranno da Roma, dal comitato nazionale. “La scissione - hanno spiegato - è stato un atto doloroso così come la decadenza di Berlusconi, ma noi vogliamo portare avanti i nostri valori per il futuro della Basilicata”. (ANSA).
(ANSA) - POTENZA, 7 DIC - In un comunicato Latronico ha aggiunto che “chi ha lavorato ossessivamente per l'estromissione del presidente Berlusconi dal Parlamento, applicando norme controverse, è responsabile della fine delle larghe intese che avevano lo scopo di una pacificazione nazionale; chi continua a proporre misure economiche che proseguono l’austerità oppressiva che ha sfiancato il Paese tradisce il mandato che aveva ricevuto il governo Letta; chi dovesse continuare a dare fiducia a questo stato di cose tradisce il mandato che ci avevano assegnato gli elettori di centro destra”.
Secondo il deputato lucano, “Forza Italia nasce per dare voce a coloro che hanno coltivato la prospettiva di un Paese più libero e più prospero e per dare spazio ai tanti che sono rimasti delusi da una politica che ha ridotto allo stremo la vitalità della nostra nazione. Anche in Basilicata bisogna parlare a quel popolo di esclusi che ormai è la maggioranza, che ha preferito non votare alle ultime regionali piuttosto che provare a costruire una via di alternanza e di cambiamento. Questa è una sfida che raccogliamo e rilanciamo perchè i lucani possano riprendersi il diritto a partecipare alla costruzione di un futuro possibile per la nostra terra oggi - ha concluso Latronico - afflitta da assenza di sviluppo e di crescita con conseguenze tremende per le nuove generazioni”. (ANSA).

La nuova Forza Italia rinasce anche in Basilicata, con una «struttura leggera» che raggruppa eletti, amministratori locali e simpatizzanti nei Club e nel coordinamento regionale, che segue lo scioglimento degli organi direttivi del Pdl lucano.

 

I coordinatori provinciali uscenti del Pdl, Mariano Pici e Cosimo Latronico, e i neoeletti consiglieri regionali, Michele Napoli e Paolo Castelluccio, hanno presentato la struttura in una conferenza stampa a Potenza. Per il momento la nuova Forza Italia non ha una struttura gerarchica, con un coordinamento regionale composto da eletti e iscritti, a cui si aggiungeranno i Club sul territorio. 

Le indicazioni organizzative verranno da Roma, dal comitato nazionale. 

«La scissione - hanno spiegato - è stato un atto doloroso così come la decadenza di Berlusconi, ma noi vogliamo portare avanti i nostri valori per il futuro della Basilicata».

«Chi ha lavorato ossessivamente per l'estromissione del presidente Berlusconi dal Parlamento - a aggiunto Latronico - applicando norme controverse, è responsabile della fine delle larghe intese che avevano lo scopo di una pacificazione nazionale; chi continua a proporre misure economiche che proseguono l’austerità oppressiva che ha sfiancato il Paese tradisce il mandato che aveva ricevuto il governo Letta; chi dovesse continuare a dare fiducia a questo stato di cose tradisce il mandato che ci avevano assegnato gli elettori di centro destra».

Secondo il deputato lucano, «Forza Italia nasce per dare voce a coloro che hanno coltivato la prospettiva di un Paese più libero e più prospero e per dare spazio ai tanti che sono rimasti delusi da una politica che ha ridotto allo stremo la vitalità della nostra nazione. Anche in Basilicata bisogna parlare a quel popolo di esclusi che ormai è la maggioranza, che ha preferito non votare alle ultime regionali piuttosto che provare a costruire una via di alternanza e di cambiamento».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?