Salta al contenuto principale

"Faremo le nostre battaglie nel Pd
Cultura e università le nostre priorità"

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

«La percentuale presa in Basilicata è sorprendente perchè è il frutto dell’impegno di cinquanta ragazzi persuasi dalla proposta di Civati».

Andrea Casarano sarà uno dei più giovani, se non il più giovane, tra i componenti dell’assemblea nazionale che è stata nominata dalle primarie.

Un risultato per molti versi insperato anche se «inferiore rispetto a quello che ci aspettavamo a livello nazionale, comunque positivo soprattutto perchè Civati ha avuto il merito di aver fatto riavvicinare alla politica tanti giovani come me che si sentono coinvolti direttamente da quella che è la proposta di Civati».

Casarano ha le idee chiare rispetto al futuro di un Pd «che continueremo a sostenere in qualsiasi situazioni e senza scontri o frizioni interne ma con la dialettica necessaria per cui anche chi sostiene Civati darà al Pd il suo contributo propositivo senza che ci siano scontri o faziosità, diremo correttamente ciò che pensiamo».

I problemi più grandi sono oggi proprio quelli dei più giovani e su questo proprio Casarano non si esime dall’intervenire e dal dare il suo contributo: «io credo che sia importante continuare a puntare su cultura e università ma in maniera più razionale, oggi è difficile andare avanti con una borsa di studio, serve migliorare la formazione e servirà agevolare l’ingresso nel mondo

del lavoro attraverso una serie di interventi di sgravi fiscali e di semplificazioni normative e contratti maggiormente fruibili dai lavoratori e tollerabili dalle imprese». Ricette comuni, per molti versi semplici ma che non riescono assolutamente a trovare una propria applicazione.

Rispetto poi all’esito delle primarie, alla vittoria di Renzi e la sconfitta di Cuperlo che forse sono state anche per Civati il male minore Casarano spiega: «credo ci fossero diverse scuole di pensiero su questo, sicuramente la storia politica di Civati è più vicina a Renzi che a Cuperlo ma vedremo con il lavoro cosa verrà fatto.

Le nuove nomine? Mi sembrano positive non solo perchè ci sono molti giovani e molte donne ma anche perchè ci sono persone esperte e preparate su molte materie, penso alla Serracchiani o alla Picierno.

Insomma mi pare un buon primo passo poi il resto lo vedremo con il tempo».

p.quarto@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?