Salta al contenuto principale

Scopelliti lancia sospetti sull'attacco informatico
«Anonymous? Sì ma calabrese: volevano affondarmi»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

 

CATANZARO, 16 DIC - "E' passato oltre un mese dall’intrusione nel mio computer e ad oggi non abbiamo visto, così come era stato promesso, altri attacchi a presidenti di Regione. Devo dedurne che si è trattato di un 'Anonymous' molto calabrese". Lo ha detto il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, facendo riferimento all’attacco di carattere informatico, con l’intrusione abusiva nella sua casella di posta elettronica istituzionale, subita il 9 novembre scorso dal gruppo di hacker denominato 'Anonymous'.
"Quell'attacco - ha aggiunto - è stato l’ennesimo tentativo per colpirmi e mettermi fuori gioco. Tentativo non riuscito perchè c'erano solo documenti istituzionali. E dopo oltre un mese non ci sono state altre intromissioni nè sono stati pubblicati documenti di altri presidenti di Regione. Certo, la cosa strana è che qualcuno era riuscito anche ad individuare colui che aveva portato a termine quell'attacco alla mia casella di posta elettronica. Proprio questo particolare mi fa pensare che si sia trattato di qualche 'Anonymous' tutto calabrese".

CATANZARO - A distanza di tempo dall'attacco informatico che ha svelato i suoi messaggi sulla posta elettronica istituzionale (LEGGI), il presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti lancia un sospetto: «E' passato oltre un mese dall’intrusione nel mio computer e ad oggi non abbiamo visto, così come era stato promesso, altri attacchi a presidenti di Regione. Devo dedurne che si è trattato di un 'Anonymous' molto calabrese». 

 

LEGGI L'ARTICOLO: I DOCUMENTI DI SCOPELLITI VIOLATI

Il governatore lo ha detto nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto mirato a dotare la Calabria di banda larga per la navigazione su internet: «Quell'attacco - ha aggiunto - è stato l’ennesimo tentativo per colpirmi e mettermi fuori gioco. Tentativo non riuscito perchè c'erano solo documenti istituzionali. E dopo oltre un mese non ci sono state altre intromissioni nè sono stati pubblicati documenti di altri presidenti di Regione. Certo, la cosa strana è che qualcuno era riuscito anche ad individuare colui che aveva portato a termine quell'attacco alla mia casella di posta elettronica. Proprio questo particolare mi fa pensare che si sia trattato di qualche 'Anonymous' tutto calabrese». 

Per l'intrusione informatica Scopelliti aveva presentato denuncia alla polizia postale (LEGGI) ed erano scattate indagini per capire se si era trattato di un attacco isolato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?