Salta al contenuto principale

Berlinguer ti vogliono bene
Fuori lo vogliono per le regionali

Basilicata

Tempo di lettura: 
4 minuti 39 secondi

POTENZA - Aldo Berlinguer tra i papabili per la poltrona di presidente della Regione Sardegna. L’auspicio è che non si crei un Des Dorides parte seconda. L’ex direttore generale del San Carlo dal curriculum importante che fu importato in Basilicata dai palcoscenici nazionali per dirigere il più importante ospedale lucano e che poi fu rispedito al mittente per le continue voci che lo vedevano pronto ad assumere incarichi importanti un pò in tutte le regioni d’Italia oltre il Tevere. 

Perchè è indubbio che il neo assessore regionale alle Infrastrutture e all’Ambiente della Basilicata, Aldo Berlinguer abbia curriculum importante e cognome ancora più importante che lo rende “appetibile” per incarichi e postazioni di prestigio non solo in Basilicata. Nel calcio si direbbe che è un “top player” o qualcosa del genere. 
Difficile che però, il neo assessore lucano, fresco di nomina, possa decidere di fare armi e bagagli dopo nemmeno una settimana per tentare la “fortuna” in un altro posto. 
Ma intanto è inserito tra i papabili per la corsa alla presidenza della Regione Sardegna. Una notizia di stampa che ha fatto il giro del web in poche ore. L’indiscrezione è uscita ieri sul quotidiano isolano “L’Unione Sarda.it”. E per chi conosce il mestiere del giornalista si sa che dietro una indiscrezione sui nomi c’è sempre qualcosa di vero. La notizia è questa: in Sardegna in vista delle elezioni regionali si sono svolte le Primarie del Pd vinte da Francesca Barraciu. La quale però investita dallo scandalo sui rimborsi del consiglio regionale sardo ha deciso su insistenze del partito e del segretario nazionale Renzi di fare un passo indietro. Ma le scadenze per la presentazione delle liste (entro il 10 gennaio prossimo) impongono una scelta di riserva. Secondo i quotidiani locali il Pd di Sardegna per uscire dagli scontri interni avrebbe deciso di individuare il proprio candidato all’esterno del Pd e all’esterno della regione stessa. 
Quando si dice il destino. Tante le similitudini con la Basilicata: Primarie con polemiche, scandalo dei rimborsi e scelta esterna per tentare di sedare le polemiche. 
Ora c’è anche da dire che nei giorni scorsi sono già circolate molte voci su possibili candidati di prestigio tra cui Arturo Parisi. Ma si è arrivati alla stretta finale. Secondo i giornali sardi il nome di Berlinguer non è in pole. Figurebbe dietro il rettore dell'Università di Sassari,  e il segretario nazionale della Fnsi, Franco Siddi. Ma poi il poker è completato appunto da Aldo Berlinguer che sempre secondo le fonti sarde sarebbe gradito direttamente a Renzi. 
sal.san.

POTENZA - Aldo Berlinguer tra i papabili per la poltrona di presidente della Regione Sardegna. 

L’auspicio è che non si crei un Des Dorides parte seconda. 

L’ex direttore generale del San Carlo dal curriculum importante che fu importato in Basilicata dai palcoscenici nazionali per dirigere il più importante ospedale lucano e che poi fu rispedito al mittente per le continue voci che lo vedevano pronto ad assumere incarichi importanti un pò in tutte le regioni d’Italia oltre il Tevere. 

Perchè è indubbio che il neo assessore regionale alle Infrastrutture e all’Ambiente della Basilicata, Aldo Berlinguer abbia curriculum importante e cognome ancora più importante che lo rende “appetibile” per incarichi e postazioni di prestigio non solo in Basilicata. 

Nel calcio si direbbe che è un “top player” o qualcosa del genere. Difficile che però, il neo assessore lucano, fresco di nomina, possa decidere di fare armi e bagagli dopo nemmeno una settimana per tentare la “fortuna” in un altro posto. Ma intanto è inserito tra i papabili per la corsa alla presidenza della Regione Sardegna. Una notizia di stampa che ha fatto il giro del web in poche ore. L’indiscrezione è uscita ieri sul quotidiano isolano “L’Unione Sarda.it”. 

E per chi conosce il mestiere del giornalista si sa che dietro una indiscrezione sui nomi c’è sempre qualcosa di vero. 

La notizia è questa: in Sardegna in vista delle elezioni regionali si sono svolte le Primarie del Pd vinte da Francesca Barraciu. La quale però investita dallo scandalo sui rimborsi del consiglio regionale sardo ha deciso su insistenze del partito e del segretario nazionale Renzi di fare un passo indietro. 

Ma le scadenze per la presentazione delle liste (entro il 10 gennaio prossimo) impongono una scelta di riserva. Secondo i quotidiani locali il Pd di Sardegna per uscire dagli scontri interni avrebbe deciso di individuare il proprio candidato all’esterno del Pd e all’esterno della regione stessa. 

Quando si dice il destino. Tante le similitudini con la Basilicata: Primarie con polemiche, scandalo dei rimborsi e scelta esterna per tentare di sedare le polemiche. Ora c’è anche da dire che nei giorni scorsi sono già circolate molte voci su possibili candidati di prestigio tra cui Arturo Parisi. 

Ma si è arrivati alla stretta finale. Secondo i giornali sardi il nome di Berlinguer non è in pole. Figurebbe dietro il rettore dell'Università di Sassari,  e il segretario nazionale della Fnsi, Franco Siddi. Ma poi il poker è completato appunto da Aldo Berlinguer che sempre secondo le fonti sarde sarebbe gradito direttamente a Renzi.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?