Salta al contenuto principale

Lacorazza presidente del consiglio
Tensione sulla giunta per le elezioni

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

Con 11 voti, Piero Lacorazza (PD) è stato eletto Presidente del Consiglio Regionale. 

L'uffiico di presidenza si completa con la nomina di due vicepresidenti, Paolo Galante (Realtà Italia), ce ha ottenuto 12, e il consigliere Franco Mollica (UDC) che di voti ne ha ottenuti 4. 

Sono stati poi eletti nel ruolo di segretari i consiglieri Mario Polese (Pittella Presidente) e Paolo Castelluccio (PDL), rispettivamente 12 e 4 voti. 

Meno veloce la procedura per l'insediamento della giunta per le elezioni che dovrà valutare eventuali casi di incompatibilità tra i consiglieri eletti. Dopo la sospensione richiesta per trovare, su suggerimento di Mollica, una proposta unitaria, il consigliere Giannino Romaniello (SEL) ha richiesto lo scrutinio segreto. 

Ecco la composizione della giunta per le elezioni, composta di tre consiglieri di opposizione e tre di maggioranza: Perrino (M5S), Napoli (Pdl), Rosa (Fratelli d'Italia), Polese (Pittella presidente), Giuzio (listino), Cifarelli (PD). Della giunta per le elezioni fa parte anche il presidente del consiglio regionale. 

Romaniello lamenta una non equilibrata rappresentanza delle forte in consiglio nella squadra dell'ufficio di presidenza. 

- Il consiglio regionale della Basilicata si riunirà domani, alle ore 15, in seduta straordinaria. Lo ha annunciato l’ufficio stampa dell’assemblea, convocata dal neopresidente, Piero Lacorazza.
Due i punti all’ordine del giorno della riunione: “Le dimissioni del consigliere regionale Tito Di Maggio, oggi formalizzate, e la conseguente presa d’atto e surroga, e il disegno di legge inerente l’autorizzazione all’esercizio provvisorio del bilancio per l’anno finanziario 2014 e le connesse disposizioni”. (ANSA).

Chiusa la seduta, è stato convocata d'urgenza una nuova riunione prevista per domani alle ore 15. Due i punti all’ordine del giorno della riunione: «Le dimissioni del consigliere regionale Tito Di Maggio, oggi formalizzate, e la conseguente presa d’atto e surroga, e il disegno di legge inerente l’autorizzazione all’esercizio provvisorio del bilancio per l’anno finanziario 2014 e le connesse disposizioni». 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?