Salta al contenuto principale

Ultimi dettagli prima delle nomine dei Dg
Martedì Pittella svelerà i nomi dei sei

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 18 secondi

 

 di SALVATORE SANTORO 
POTENZA - Da martedì la Regione avrà  i nuovi Direttori generali. Deciso. Come previsto e voluto direttamente dal presidente della giunta, Marcello Pittella saranno sei. Due per l’Ufficio di presidenza e uno a testa per i 4 assessorati a cui corrispondono gli altrettanti Dipartimenti. Per quanto riguarda le indiscrezioni pare che quattro nomi siano quasi certi: mancherebbe solo l’ufficialità. 
I quattro sono Giandomenico Marchese che dovrebbe essere nominato alla guida del Dipartimento alle Attività produttive. Raffaele Rinaldi che rimane alla Presidenza della giunta come ampiamente anticipato già da mesi. Poi dovrebbe essere del quartetto dei sicuri anche Donato Pafundi che abdrebbe a sedersi sulla poltrona di Direttore generale del Dipartimento alla sanità. 
Chiude il “poker” dei favoritissimi, Carmen Santoro che tornerebbe a dirigere il Dipartimento dell’Agricoltura. 
Per gli altri due posti ci sono ancora delle incertezze. Sono scese infatti,  le quotazioni del materano Giovanni Schiuma che pareva in pole per l’altra Direzione generale della Presidenza della giunta. Pare che le valutazioni sui candidati proseguiranno anche nelle prossime ore. In tal senso si torna a parlate anche di Vito Marsico che invece era indicato per la carica alla segreteria della giunta al posto di Arturo Agostino. Ad ogni non si esclude nemmeno un professionsta esterno alle dinamiche regionali. La rosa dei papabili comunque è ampia ancora. 
Per la Direzione generale all’Ambiente invece si fa il nome di un esterno e cioè di Elio Manti  attualmente dirigente al Ministero all’Ambiente e apprezzato anche per le suo pubblicazioni. Pare che non sia ancora certa la sua nomina, ma negli ultimi giorni ci sarebbe stata un’accelerazione in tal senso.
Per tutti i dettagli e le ufficializzazioni comunque c’è da attendere fino a martedì. E non si possono escludere colpi di scena. In totale coloro che hanno mandato il curriculum per essere inseriti nella short list da cui il governatore (è nelle sue facoltà la nomina dei Dg e poteva anche effettuarle direttamente come hanno fatto in passato i suoi predecessori) ha deciso di selezionare i sei nuovi direttori sarebbero circa mille e cinquecento. Tanti i nomi noti. Ma anche qualche papabile che non ha fatto “domanda” tra cui Gerardo Marotta che evidente si giocherà le proprie carte per restare ad Acquedotto lucano magari in corsa con Michele Vita che pure pare essere in corsa per una Direzione importante.  

POTENZA - Da martedì la Regione avrà  i nuovi Direttori generali. Deciso. 

 

Come previsto e voluto direttamente dal presidente della giunta, Marcello Pittella saranno sei. 

Due per l’Ufficio di presidenza e uno a testa per i 4 assessorati a cui corrispondono gli altrettanti Dipartimenti. Per quanto riguarda le indiscrezioni pare che quattro nomi siano quasi certi: mancherebbe solo l’ufficialità. I quattro sono Giandomenico Marchese che dovrebbe essere nominato alla guida del Dipartimento alle Attività produttive. 

Raffaele Rinaldi che rimane alla Presidenza della giunta come ampiamente anticipato già da mesi. 

Poi dovrebbe essere del quartetto dei sicuri anche Donato Pafundi che abdrebbe a sedersi sulla poltrona di Direttore generale del Dipartimento alla sanità. Chiude il “poker” dei favoritissimi, Carmen Santoro che tornerebbe a dirigere il Dipartimento dell’Agricoltura. Per gli altri due posti ci sono ancora delle incertezze. Sono scese infatti,  le quotazioni del materano Giovanni Schiuma che pareva in pole per l’altra Direzione generale della Presidenza della giunta. 

Pare che le valutazioni sui candidati proseguiranno anche nelle prossime ore. In tal senso si torna a parlate anche di Vito Marsico che invece era indicato per la carica alla segreteria della giunta al posto di Arturo Agostino. Ad ogni non si esclude nemmeno un professionsta esterno alle dinamiche regionali. 

La rosa dei papabili comunque è ampia ancora. 

Per la Direzione generale all’Ambiente invece si fa il nome di un esterno e cioè di Elio Manti  attualmente dirigente al Ministero all’Ambiente e apprezzato anche per le suo pubblicazioni. Pare che non sia ancora certa la sua nomina, ma negli ultimi giorni ci sarebbe stata un’accelerazione in tal senso.

Per tutti i dettagli e le ufficializzazioni comunque c’è da attendere fino a martedì. 

E non si possono escludere colpi di scena. In totale coloro che hanno mandato il curriculum per essere inseriti nella short list da cui il governatore (è nelle sue facoltà la nomina dei Dg e poteva anche effettuarle direttamente come hanno fatto in passato i suoi predecessori) ha deciso di selezionare i sei nuovi direttori sarebbero circa mille e cinquecento. 

Tanti i nomi noti. 

Ma anche qualche papabile che non ha fatto “domanda” tra cui Gerardo Marotta che evidente si giocherà le proprie carte per restare ad Acquedotto lucano magari in corsa con Michele Vita che pure pare essere in corsa per una Direzione importante.  

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?